Home > Consigli, diabete > Diabete, invalidità e benefici di legge

Diabete, invalidità e benefici di legge

Ecco un altro argomento che potrebbe interessare a molti.
Spesso ci lamentiamo della sanità italiana, molto spesso a ragione. C’è da dire, comunque, che il nostro SSN ha in serbo alcune agevolazioni per chi ha avuto la sfiga di diventare diabetico, alcune di queste utilissime in tempi come questi.

Si possono riassumere in 2 categorie:
- Inserimento agevolato nel lavoro (legge 68/99)
- Assistenza/permessi/assegni (legge 104/92)

Vi segnalo in particolare questi due link:
http://www.progettodiabete.org/leggi/r43.html (legge 68/99)
http://www.progettodiabete.org/leggi/r14.html (info su legge 104)

Invalido a chi!?

disabileChe piaccia oppure no un diabetico che voglia usufruire di questi vantaggi viene considerato dalla legge come un invalido. Personalmente odio questa definizione… chi è affetto da diabete, in linea generale, è perfettamente in grado di svolgere qualunque funzione/lavoro. C’è da dire però che le situazioni della vita sono tante, sia dal punto di vista medico (si pensi ad esempio alle complicanze), sia dal punto di vista sociale.

Di esempi se ne possono fare una marea…. Tipo un diabetico che lavora ad una catena di montaggio e che si  prende una pausa per una ipoglicemia, di certo non viene ben visto dal datore di lavoro.  Disinformazione e malizia ci mettono anche il loro, complicando notevolmente situazioni in teoria gestibili.  Un diabetico può essere percepito come “un fannullone” in quanto non presenta nessun segno apparente di minorazione fisica. Questa legge quindi è una conquista per la categoria e permette a chi effettivamente ne ha bisogno di ottenere delle agevolazioni. Oltretutto è facoltativa, chi non vuole può anche farne a meno (e far risparmiare soldi allo Stato).

I Vantaggi

LeggeIn base alla legge 68/99, gli invalidi con una percentuale di invalidità > 45% (quindi almeno 46%) entrano a far parte delle categorie protette. Questo permette di usufruire di una “via privilegiata” per l’assunzione nel mondo del lavoro.

Tutte le imprese infatti, devono riservare un certo numero di dipendenti (in base alla dimensione dell’azienda) agli appartenenti alle categorie protette, che vengono “ricercati” attraverso liste apposite nell’ufficio del lavoro o durante i colloqui di selezione.  Un processo simile vale anche per i concorsi publici anche se molto più automatizzato (le liste vengono generate automaticamente in base ai criteri del concorso).

La legge 68/99 rappresenta un gran vantaggio per il diabetico, sia perchè i requisiti non sono altissimi (leggi dopo), sia perchè un’azienda ha tutto l’interesse di prendere una persona che sia il meno invalida possibile, in modo da non sprecare uno stipendio. Il diabetico, in mancanza di complicazioni, in pratica è equivalente ad una persona non diabetica. Può sembrare un discorso cinico nei confronti dei disabili più sfortunati, ma la realtà è anche questa…

La legge 104/92 e successivi decreti ministeriali invece sancisce la possibilità di ottenere assegni, permessi o altre agevolazioni per l’assistenza al diabetico.  L’entità di queste agevolazioni dipende dal grado di invalidità, tipicamente dopo il 74% si ottiene un assegno (calcolato in base al reddito) e benefici sui contributi per la pensione. Al 100% di invalidità viene assegnata una pensione. Alcuni benefici, tipo permessi sul lavoro o altro, sono accessibili anche ai parenti del disabile.

Pochi diabetici  usufruiscono della legge 104. Un tempo, il diabete veniva davvero visto come una invalidità ti e si arrivava addirittura ad ottenere un infermiere personale per le iniezioni :o.  Roba che oggi è fantascienza, e meno male direi pure! Il grado di invalidità che in genere si assegna al diabetico in base alle ultime disposizioni è molto più basso del 74%, a meno di gravi complicazioni o altre patologie esistenti (vedi tabella dopo). Tipicamente, della 104 ne usufruiscono i genitori di bambini diabetici per ottenere permessi per assistere i piccoli, anche se parecchio dipende dalla commissione medica che valuta il caso.

Per una lista completa delle agevolazioni date un’occhiata qua: http://www.handylex.org/disabili/permessi_legge_104.shtml

Ecco un altro link molto utile in cui sono riassunte tutte le agevolazioni: Vademecum invalidità civile

L’iter burocratico

scartoffiePer l’inserimento nelle categorie protette, sia ai fini degli assegni (legge 104) sia ai fini dell’inserimento agevolato (legge 68), bisogna passare al vaglio di una commissione medica che valuta il grado di disabilità.

Pochi sanno che lo Stato considera le agevolazioni della legge 104 e 68 come due richieste diverse, quindi conviene farle entrambe, evitando così di rifare l’iter dopo. Facendo richiesta congiunta, passate una sola volta dalla commissione.

AGGIORNAMENTO 15/01/2010: ATTENZIONE! Dal 1° Gennaio 2010 la procedura per l’invalidità cambia

Su questi link trovate un pò di info, ma preparerò un post dedicato. In questo periodo c’è parecchia confusione, dovuta al fatto pochi medici si sono attrezzati ed i tempi per farlo sono lunghi. Già per ricevere il PIN ci vogliono giorni… ricordo che per presentare domanda potete anche rivolgervi ai Patronati.

Nuove modalità di presentazione della domanda:
http://www.inps.it/newportal/default.aspx?iMenu=2&NewsId=536
Lista medici che possono rilasciare certificazioni:
http://www.inps.it/newportal/default.aspx?sID=%3b0%3b4751%3b&lastMenu=5255&iMenu=1&iNodo=5255

In cosa consiste la nuova riforma:
http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/invalidita_civile/
http://www.handylex.org/gun/decreto_anticrisi_invalidita_inps.shtml

Commissione medica e percentuali di invalidità

GiudiceLa decisione finale sulla percentuale di invalidità è della commissione medica, che ha come linee guida le disposizioni del Decreto ministeriale n.43 del 5/02/92 che indicano i valori come da tabella:

Codice Fascia min max Fisso
9309 Diabete mellito tipo 1° o 2° con complicanze micro-macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado (Classe III) 41 50 -
9310 Diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia (Classe III) 51 60 -
9311 Diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva (Classe IV) 91 100 -

… che sono molto vaghe e lasciano ampi spazi alla libertà di interpretazione.

Tipicamente, un diabetico tipo1 senza particolari complicanze viene considerato con un grado di disabilità del 50% o giù di lì. Ricordatevi di portare tutti i certificati che possono essere utili (esami del sangue, terapia fatti dal centro diabetologico) alla commissione a farsi un’idea più precisa. E ovviamente, attestati/certificati su eventuali altre patologie.

Può capitare, se vi “presentate” particolarmente bene (assenza di complicanze, buon compenso, etc..), che vi diano una percentuale di invaliditù < 46%.  Come sappiamo bene dalle commissioni per la patente, va parecchio a culo.  Enjoy.

AGGIORNAMENTO 2/10/2009: Lista agevolazioni della legge 104 a questo link!

AGGIORNAMENTO 15/01/2010: Ecco un altro link molto utile in cui sono riassunte tutte le agevolazioni Vademecum invalidità civile

AGGIORNAMENTO 15/01/2010: ATTENZIONE! Dal 1/01/2010 la procedura per presentare la domanda di invalidità cambia. Ho modificato l’articolo, in attesa di fare un post dedicato.

About these ads
  1. Ilaria
    6 agosto 2009 alle 14:37

    Ciao! Il tuo articolo mi è stato molto utile: di tutto un po’, senza essere prolisso… :)
    Sono diabetica T1 dal 1982 e sia io che i miei genitori (quando mi gestivano loro) ci siamo sempre rifiutati di fare domande per le varie leggi sulla disabilità o simili, seguendo i “consigli” di una delle associazioni. Ora però mi sono un po’ stufata! Soprattutto a causa della mia precaria situazione lavorativa e del fatto che, quando allo Stato e alla società fa comodo, non sono poi così sana (es. patente, attività sportive ecc.). L’anno scorso ho finalmente fatto domanda per la Legge 104 e mi hanno riconosciuto l’handicap ma non la gravità (art. 33 comma 1 ma non comma 3), quindi alla fine della fiera praticamente non ho quasi nessuna agevolazione… Adesso stavo valutando l’eventualità di chiedere anche per la Legge 68/99 (disabilità vera e propria), dato che forse potrei avere qualche agevolazioni in più, e parlo soprattutto di quelle economiche… (lavorative, universitarie, …).
    MA… da un lato non mi sento “disabile”… dall’altro più e più volte mi sono sentita davvero molto giù perché, essendo diabetica, spesso mi sono imbattuta in diverse limitazioni senza però poter avere niente di positivo in cambio: non è che da un lato ti tolgono e dall’altro ti danno… Pensa anche alla mancata applicazione della Legge sulle patenti, che doveva essere una vittoria e invece è solo una presa in giro! C’è molta disparità di trattamento e questo mi dà i nervi!
    Non so che fare………….. beh, almeno intanto mi sono sfogata con qualcuno che può capire… :) Tu come la vedi? Ciao, a presto.

  2. 6 agosto 2009 alle 23:30

    Ciao Ilaria,
    guarda io sono diabetico dal ’89, avevo 11 anni allora, ed anche a me (ed ai miei) è stato consigliato di evitare di appoggiarsi a questi “aiuti”. Col senno di poi condivido la scelta fatta a quei tempi: una delle cose più importanti che puoi insegnare ad un ragazzino appena diventato diabetico – come ero allora – è la necessità di “farcela con le proprie gambe” e di diventare il più indipendente possibile.

    Ora che sono un pò più grandicello (ma non troppo :P) però ho cambiato un pò questo punto di vista. Il diabete dà delle difficoltà OGGETTIVE in determinati ambiti – lavorativi e non – e questo può essere causa di DISCRIMINAZIONE. Quello che serve non sono assistenza/assegni, ma la POSSIBILITA’ di dimostrare che è possibile lavorare anche col diabete sul groppone, ed un minimo di GARANZIE per evitare discriminazioni.

    La legge 68 mi dà questo. Lo stato mi definisce disabile? E’ solo un’etichetta. Potevano chiamarlo “pari opportunità”, forse sarebbe stato più diplomatico. Alla fine è SUL CAMPO – lavoro e vita – che si dimostra di essere perfettamente abili come i colleghi non diabetici ^_^

    Personalmente lavoro da 4 anni (trovato grazie ad una botta di culo senza legge 68) ma praticamente a nessuno è mai importato se fossi diabetico o no, quanto piuttosto se fossi in grado di fare il lavoro in tempo.

    Sono stato anche molto fortunato a trovare un ambiente di lavoro compatibile con le mie esigenze ma, se dovessi trovarmi in difficoltà in futuro, un pensierino alla legge 68 lo faccio di sicuro ;)

    E’ un’opportunità in più ed è un nostro diritto.

    Spero di non averti addormentato con questo fiume di parole. ^_^’

    Ciao
    Marco

  3. cristina
    9 settembre 2009 alle 22:37

    sono mamma lavoratrice di un figlio tredicenne insulino dipendente da febbraio ’09 Ho fatto domanda x usufruire della legge 104 .Anche se mio figlio si gestisce da solo,ogni 15 gg andiamo a visita o fa’ DH ,perche’ il tutto non e’ ancora stabilizzato. La commissione mi ha riconosciuto l’handicap ma non la gravita’. IO chiedo,ma dietro ad un minore c’e’ sempre un genitore che lo segue,che chiede permessi,ferie ecc.Secondo Lei,non avevo diritto a quei famosi 3 gg al mese x seguire mio figlio? grazie

  4. Ilaria
    10 settembre 2009 alle 17:21

    Secondo me sì, “crdo” ne abbia diritto in quanto il ragazzo è comunque minorenne. Le consiglierei di fare ricorso (dovrebbe esserci l’informativa insieme al verbale della commissione che vi ha valutato, o altrimenti chieda alla sua ASL. Potrei sbagliarmi ma… io tenterei. Oltretutto, il compenso è ancora instabile perché sono passati pochi mesi dalla diagnosi. Immagino che il diabetologo le abbia rilasciato una dichiarazione/un certificato in questo senso; se non l’avesse fatto, invece, lo chieda e lo alleghi al reclamo. Ci faccia sapere!

  5. cristina
    11 settembre 2009 alle 23:41

    ciao ilaria,mi hanno cosigliato di non fare ricorso,ma di ripresentare la domanda co le nuove documentazioni,fra 5 mesi circa.non so se lo faro’,perche mi hanno come incolpata di mettere l’etichetta di handiccapato a mio figlio.Io non voglio questo e non voglio nessuna agevolazione,volevo solo quei 3 gg al mese x poterlo seguire senza disturbare nessuno.Lui e’ mio figlio e ci tengo molto che faccia una vita super normale.Penso di non chiedere troppo.saluti

  6. roberto
    17 settembre 2009 alle 17:48

    Salve mi chiamo Roberto,ho scoperto oggi di essere diabetico(tipo 2),inoltre gia’ ho ipertensione da circa 10 anni,sapete se ‘ e’ possibile farsi riconoscere legge 104 art 3 comma 3? Considerate che faccio un lavoraccio molto pesante come operaio da circa 30 anni/ora ne ho 50..
    Un saluto a tutti e grazie

  7. cristina
    17 settembre 2009 alle 22:45

    ciao roberto,la legge 104 e’ un tuo diritto,per esperieza,vai co tutti i documenti,da un patronato,lui ti dira’ cosa fare.facci sapere.in bocca al lupo x tutto ciao

  8. 1 ottobre 2009 alle 18:45

    Ciao cristina, e scusami per la risposta tardiva.

    Probabilmente, essendo tuo figlio abbastanza grande da gestirsi da solo, la commissione ha deciso per la “non gravità”. La gravità viene tipicamente asssegnata nel caso di bambini diabetici non in grado di farsi le punture da solo o che comunque richiedano la presenza assidua di una persona.
    E’ poco probabile che un ricorso o una nuova domanda abbia successo… a meno di nuove complicanze (cosa che non è da augurare).

    Il principale limite di questa legge è di considerare solo 2 situazioni estreme: handicap molto gravi o condizioni che non richiedano assistenza. Non viene contemplata la malattia cronica, che non è grave di per sè (niente handicap quindi), ma che richiede controlli periodici.

  9. andrea
    1 ottobre 2009 alle 23:14

    Per mia figlia (ha 10 anni; da 5 anni tipo1) ho richiesto subito l’invalidità ed ho ottenuto i benefici della legge 104 sino al compimento del quattordicesimo anno. Secondo me non importa la patente di invalido, ma è come cresce che lo farà sentire handicappato o normale (risparmio tutte le virgolette…) quindi se la legge può servire non vedo cosa possa servire evitarla. Anche per un futuro lavoro, il riconoscimento di una qualsiasi invalidità non rende OBBLIGATORIO farsi assumere con legge 68. Sono d’accordo con Tamtam sull’aspetto tutto/niente della legge 104, ma purtroppo così è e molte situazioni rimangono escluse.
    A Cristina: insisti, non farti scoraggiare dai troppi burocrati con i paraocchi, c’è anche molta buona gente che fa il proprio dovere meglio che può per aiutare…
    A Roberto consiglio di informarsi, se non lo ha già fatto, per farsi riconoscere l’invalidità ai fini della legge 68 visto che mi sembra di aver capito che lavora: è una cosa che spesso viene comoda alle aziende (se superano i 15 dipendenti) per assolvere gli obblighi della legge stessa.

  10. cristina
    2 ottobre 2009 alle 17:02

    grazie a tutti voi per i vostri consigli.sono andata direttamente alla fonte e mi ha consigliato di rifare la domanda.IO NON VOGLIO SPECULARE SULLA SALUTE DI MIO FIGLIO,MA PRETENDO QUEI FAMOSI 3 GG AL MESE CHE SONO DI MIO DIRITTO.Vediamo se chi di dovere , mantiene la parola. Saluti a tutti.

  11. 5 ottobre 2009 alle 16:27

    Roberto,

    la legge 104 ti consente anche di richiedere un ricollocamento nella stessa azienda se il lavoro che fai risultasse incompatibile con la tua salute.
    Appoggio il consiglio di Cristina, chiedi informazioni ai patronati del lavoro sull’iter da seguire e vedi come va.

    Saluti
    Marco

  12. deborah
    13 ottobre 2009 alle 14:50

    sono la mamma di un bimbo diabetico insulino-dipendente, ho fatto domanda per la legge 104, per avere la possibilità di non chiedere continui permessi al lavoro…ha 4 anni non è autosufficiente…mi è stata negata!!!!

  13. costanzo rapone
    13 ottobre 2009 alle 15:12

    Grazie tantissimo per le informazioni ed i commenti, tutti molto utili.
    Ho scoperto quest’estate che mio figlio di 12 anni è diabetico di tipo 1 e vorrei presentare domanda per la 104 e la 68. Mi sorprende che non ci sia un orientamento uniforme e che persone con la stessa patologia siano trattate alla fine diversamente. Qual’è la parola magica che deve esserci nella relazione per avere almeno 46?
    Ritengo che le difficoltà che vorrei aggirare per me e mio figlio (permessi per i DH o assistenza a casa in caso di febbre e discriminazione sul luogo di lavoro) esistono anche se si è, come mio figlio, apparentemente in ottima salute.

  14. cristina
    17 ottobre 2009 alle 15:56

    cari Costanzo e Deborah,capisco e comprendo benissimo la vostra situazione. Sono stata colpita dal fatto che a deborah gli e’ stata negata la 104,con il bambino cosi’ piccolo: UNA VERA VERGOGNA,FAI RICORSO SUBITO,anche se io non l’ho fatto per i motivi che ho gia’ detto;pero’ a fine novembre ritorno alla carica. C’E’ QUALCUNO CHE SEGUE QUESTE PRATICHE,CHE CI PUO’ DARE UN CONSIGLIO ? grazie saluti

  15. gabriele
    5 novembre 2009 alle 13:48

    Ciao ragazzi
    Io sono un ragazzo di 36 anni e ho scoperto di avere il diabete da marzo,mi hanno ricoverato con una glicemia di 546 ed ora sono insulino-dipendente 4 volte al giorno.Posso chiedere il grado di invalidita’? e cosa devo fare.?
    Grazie a tutti.

  16. Ilaria
    5 novembre 2009 alle 15:20

    Il grado di invalidità che ti darebbero non è altissimo, “forse” potresti riuscire a iscriverti alle categorie protette per il lavoro ma non è neanche detto… (serve il 46%) Io su internet avevo trovato le tabelle delle percentuali ma non ricordo più su quale sito. Potrei consigliarti di chiedere al diabetogo che ti segue e vedere cosa ti dice lui. Ovviamente, se tu già soffrissi di altri “acciacchi” invalidanti le percentuali si sommerebbero (es. ipertensione, sinusite,…); trovi altri esempi sulle suddette tabelle.

  17. gabriele
    9 novembre 2009 alle 11:10

    ciao a tutti
    Sapete come si calcola l’importo di un assegno di invalidita’ per un diabetico che abbia una percentuale che va dal 51 al 60%
    Ci sono delle tabelle.
    grazie.

  18. 9 novembre 2009 alle 20:06

    Ciao Gabriele,

    Qui trovi un pò di info per quanto riguarda l’INPS.

    http://www.inps.it/Doc/Pubblicazioni/Opuscoli/pdfdisabili.pdf

    http://www.inps.it/Doc/Pubblicazioni/Miniguide/minidisabili.pdf

    l’INPS ti dà tre possibilità:
    1. assegno ordinario di invalidità. Puoi accedervi con invalidità > 67%, 3 anni di contributi e 5 anni di iscrizione all’INPS.

    2.Assegno di invalidità civile, a cui puoi accedere con un grado di invalidità > 74%.

    3.Pensione di inabilità, che richiede invalidità del 100%.

    Un diabetico “medio” senza complicanze tipicamente non accede a queste agevolazioni. Occhio che ci sono anche limitazioni di reddito.

    Saluti
    Marco

  19. roberto
    16 novembre 2009 alle 17:11

    Grazie cristina per risposta.
    Patronato dice di fare attenzione a dare certificazioni in azienda ..rischio inabile e licenziamento.
    Dicevo di avere diabete tipo 2 ipertensione…e ultima scoperta retinopatia arteriosa di grado 2.Ora provero’ per invalidita’ e legge 104.ma dicono che 104 bisogna essere quasi infermi, io prendo solo 7 pasticche al giorno,, grazie a tutti vi faro’ sapere.

  20. rita
    22 novembre 2009 alle 13:04

    sono diabetica (tipo due 3 pasticche al giorno) sono ipertesa controllata ho un’ateromasia diffusa artosi cervicale e sacro lombare discopatia dislipidemia controllata ecc. posso richiedere l’invalidità civile e quanta percentuale posso avere? grazie della risposta

  21. Paolo
    26 novembre 2009 alle 15:41

    A proposito di disparità di trattamento tra commissioni: sapete che grado di invalidità mi ha dato la commissione dell’ASL dI CUNEO? (diabete tipo 1 con grave neuropatia dolorosa):
    ZERO!!!!
    Ma il minimo non dovrebbe essere almeno il 40%?
    Così non posso nemmeno chiedere al comune il permesso di parcheggio nelle apposite zone; provassero loro a camminare nelle mie condizioni! Mi consigliate di fare ricorso? Non avrà lo stesso esito della prima domanda visto che la commissione è sempre la stessa?

  22. 26 novembre 2009 alle 19:35

    Cavoli, Paolo! Eppure le tabelle ministeriali, per quanto vaghe, hanno pur sempre un minimo che non è assolutamente ZERO! Ma c’è proprio scritto così?! Comunque controlla qual è la percentuale di disabilità richiesta per i parcheggi col contrassegno: http://www.handicarmagnola.it/agevola_auto_e_sussidi/quadro_riassuntivo.htm

  23. daniela
    1 dicembre 2009 alle 22:12

    ciao sono Daniela 33 anni e diabetica da 29.ho fatto domanda per tutto ma ,mi hanno sempre detto che sono sana come un pesce anche se ho problemi con la glicemia,con gli occhi,ho problemi anche a camminare…quindi vedete un po.io comunque aspetto prima o poi mi riconosceranno che ho qualcosa che non va.un in bocca a lupo a tutti!

  24. 2 dicembre 2009 alle 10:46

    Daniela… personalmente l’Italia mi fa sempre più schifo.

  25. caterina
    7 dicembre 2009 alle 16:57

    ciao…sono diabetica tipo 1 senza complicanze da 7 anni e ancora nn ho capito quanta percentuale di invalidità ho….chi può aiutarmi??

  26. 10 dicembre 2009 alle 15:33

    Caterina, Paolo,

    in base alle tabelle ministeriali, il solo fatto di essere diabetica/o tipo 1 dà diritto ad avere una percentuale di invalidità da 41% a 50%, a discrezione della commissione medica.

    Paolo, in seguito alla visita dalla commissione dovrebbero darti un foglio con le motivazioni sulla decisione. Vedi un pò che c’è scritto, una percentuale pari a zero francamente mi sembra un errore.

  27. Paolo
    11 dicembre 2009 alle 15:58

    Mi sono fatto spiegare quanto mi ha inviato la commissione medica. Devo innanzitutto precisare che contestualmente alla domanda di invalidità ho fatto anche la richiesta di poter usufruire dei benefici previsti dalla legge 104. La risposta (lapidaria) che mi è arrivata (“esito negativo”) riguarda solo la seconda parte, ovvero quella relativa alla legge 104, per l’invalidità mi hanno comunicato che l’esito mi verrà inviato in seguito….aspetto quindi ancora fiducioso (anche se ci sono rimasto un po’ male per la legge 104). Chiedo ancora scusa per l’imprecisione iniziale ma, (avevo appena ricevuto la cominicazione)è stata il risultato di un momento di sconforto…..

    Paolo

  28. 11 dicembre 2009 alle 18:06

    Beh, diciamo che immagino il verbale fosse anche abbastanza complicatello da capire… :)
    Verifica però una cosa: dice proprio che NON sei affetto da handicap oppure solo che “la condizione di salute non risulta essere di GRAVITà” (o cose analoghe)? In altre parole: ti è stato negato solo l’Art. 33 comma 3 (gravità) oppure anche l’Art. 33 comma 1? Perché ti spiego una cosa che io sono riuscita a capire solo molti mesi dopo aver ricevuto il verbale (ho fatto domanda solo per la 104, non per l’invalidità): se hai almeno il comma 1, dalla prossima dichiarazione dei redditi puoi detrarre/dedurre (una delle due, non ricordo) l’intera spesa farmaceutica e NON solo ciò che eccede i 129,11€. Meglio che niente!
    E se devi partecipare a concorsi pubblici, puoi indicare la 104 e “dovrebbero” poterti dare qualche minuto in più per le prove. Ma la REALE fattibilità di quest’ultima cosa non l’ho ancora sperimentata personalmente… Anzi, se qualcuno può condividere la sua esperienza, lo ringrazio! :)
    Con l’Art. 33 comma 1 solo questo…

  29. Paolo
    14 dicembre 2009 alle 10:55

    Riporto dal verbale:”La Commissione costituita a norma della Legge 15 ottobre 1990 n. 295, integrata secondo quanto previsto dall’art. 4 della Legge 5 febbraio 1992 n. 104 ha accertato:
    Diabete di tipo 1 con complicanze neuropatiche
    Giudizio: la persona non è portatore di handicap”

  30. 14 dicembre 2009 alle 11:45

    Neanche l’handicap!!!!! Ma che cavolo!!!!!

    …comunque quello che ti avrebbe davvero dato “qualche” agevolazione interessante sarebbe stato, come già detto, il riconoscimento della “gravità” dell’handicap. Tutto ciò è comunque molto slegato dalla “disabilità/invalidità civile” (l’Italia è un Paese di parole-parole-parole). Conosco una persona che ha una % di invalidità piuttosto alta ma non le hanno riconosciuto la 104…

  31. babsi
    7 gennaio 2010 alle 23:37

    Ciao a tutti ,
    non scrivo per me ma per una mia amica ..
    non lavora, non ha una famiglia solida alle spalle e ha 42 anni ed è diabetica (prende la metformina). Ha avuto un adenoma ipofisario certificato che poi è regredito, ed ha avuto disturbi “emotivi” certificati.
    Qualcuno sà dirmi come fare per chiedere l’invalidità con tutte le patologie annesse?

    Grazie a tutti,
    babsi.

  32. 10 gennaio 2010 alle 19:09

    Ciao Babsi,
    puoi rivolgerti alla tua asl per la richiesta di invalidità. Puoi fare richiesta per la legge 68 (categorie protette), per la legge 104 (permessi ed eventualmente assegni) o per entrambe.
    Le certificazioni rilasciate da medici specialisti vanno portate alla commissione medica, quando ci sarà la visita. I certificati non devono essere troppo “vecchi” (credo entro i 3 mesi prima della data della visita, ma non sono sicuro), questo per evitare che la commissione ti faccia rifare la visita.

  33. 10 gennaio 2010 alle 19:57

    Ragazzi attenzione che dal 1° Gennaio 2010 la procedura per l’invalidità cambia (e diventa più snella)! Si occupa di tutto l’INPS, ma non ho capito quali sono esattamente, nell’ordine, i passi da fare. Tamtam, tu che sei bravo con queste cose, riesci a illuminarci? :) Grazie! :)

  34. 15 gennaio 2010 alle 01:11

    Ci mancava soltanto questa -.-
    Su questi link trovate un pò di info, ma preparerò un post dedicato. In questo periodo c’è parecchia confusione, dovuta al fatto pochi medici si sono attrezzati ed i tempi per farlo sono lunghi. Già per ricevere il PIN ci vogliono giorni… ricordo che per presentare domanda potete anche rivolgervi ai Patronati.

    Nuove modalità di presentazione della domanda:

    http://www.inps.it/newportal/default.aspx?iMenu=2&NewsId=536

    Lista medici che possono rilasciare certificazioni:

    http://www.inps.it/newportal/default.aspx?sID=%3b0%3b4751%3b&lastMenu=5255&iMenu=1&iNodo=5255

    In cosa consiste la nuova riforma:

    http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/invalidita_civile/

    http://www.handylex.org/gun/decreto_anticrisi_invalidita_inps.shtml

  35. gabriele
    15 gennaio 2010 alle 14:12

    Ciao ragazzi ho scoperto di avere il diabete mellito tipo 1 nel marzo 2009 sono insulino dipendente 4 volte al giorno in piu’sono iperteso con steopatite non alcolica,pensate che posso avere un punteggio di invalidita’?

  36. 15 gennaio 2010 alle 18:36

    Ho appena parlato con una dottoressa che è inclusa nell’elenco di medici abilitati dell’INPS. Ci sono ulteriori novità!!! La procedura online è stata sospesa perché non funzionava benissimo e si ritorna al cartaceo (secondo un riunione riunione di ieri)! :D I moduli ai medici però arriveranno la prossima settimana e questa gentilissima dottoressa ha detto che appena possibile mi farà sapere come dobbiamo muoverci. Intanto però io consiglierei agli interessati di effettuare la procedura per farsi rilasciare il PIN.
    Ci aggiorniamo!

  37. viviana
    18 gennaio 2010 alle 09:56

    ciao a tutti sono viviana e ho 26 anni da un mese o scoperto di avere il diabete mellito tipo 2 e da allora la mia vita è un po’ cambiata io faccio l’operaia e sto in piedi per 8 ore al giorno e alla sera sono stanca morta secondo voi si può avere qualche agevolazione sul lavoro?grazie a presto

  38. 18 gennaio 2010 alle 11:20

    Guarda, Viviana, sentiamo cosa dice Tamtam… purtroppo però a mio parere non credo… Ma molto probabilmente ti senti stanchissima perché le tue glicemie non sono ancora del tutto ok. Ci andrà un po’ di tempo, nel quale dovrai controllare le glicemie, andare dal diabetologo e farti sistemare la terapia e/o la dieta. All’inizio è sempre un disastro, è normale!!! Tieni anche conto che l’ansia e lo stress fanno alzare la glicemia, perciò cerca di stare tranquilla, il periodo iniziale è davvero il peggiore! (Io sono ho 35 anni e diabetica di tipo 1 da circa 28 anni). Un abbraccio

  39. 18 gennaio 2010 alle 11:22

    Gabriele, se tutti questi “acciacchi” che dici sono certificati dal medico, io penso che un pochino di invalidità civile dovrebbero riconoscertela.

  40. viviana
    18 gennaio 2010 alle 13:36

    ciao ilaria grazie del consiglio e cercherò di seguirlo e per il lavoro o appena scoperto che mi anno lasciato a casa per ora questo si che è un ringraziamento dopo 8 anni di duro lavoro scusa per lo sfogo grazie un abbraccio

  41. 18 gennaio 2010 alle 15:09

    Viviana, ma il fatto che ti abbiano lasciato a casa non c’entra col diabete, vero?? Cioè, avevi un contratto in scadenza? Oppure no, e allora è ipotizzabile che abbiano avuto “paura” della tua condizione di diabetica? (gliel’hai detto?). Non voglio farmi gli affari tuoi, ma vorrei evitare un ennesimo episodio RAZZISMO nei confronti di un diabetico… (io ho smesso una vita fa di dire ai miei datori di lavoro che sono diabetica, perché quando l’ho fatto ne ho pagato le conseguenze).

  42. viviana
    19 gennaio 2010 alle 18:42

    ciao ilaria il motivo è carenza di lavoro e purtroppo lavorando sotto cooperativa avendo pure il contratto a tempo indeterminato ti dico di aspettare una loro chiamata…si sanno che o il diabete e sinceramente spero che non sia per questo si no altro che razzismo…incrociamo le dita nella ricerca di un altro lavoro a presto un abbraccio

  43. 21 gennaio 2010 alle 13:20

    Ciao Viviana. Dài che qualcosa esce! Anche io sono in attesa di chiamate… Tienici informati, un abbraccio.

  44. viviana
    30 gennaio 2010 alle 09:17

    ciao a tutti ieri ho scoperto di avere il tipo 1 e non 2 come mi avevano detto il mio sogno più grande era quello di diventare madre un giorno ma mi chiedo se tutto questo sarà ancora possibile ho una paura tremenda e mi sento sempre più sola….scusate per lo sfogo a presto

  45. Francesca
    1 febbraio 2010 alle 13:26

    Grazie per questo interessantissimo articolo.
    Vorrei porre una questione.
    Sono ID dal 1981, con complicanze varie (neuropatia a tutti gli arti e retinopatia proliferante con emmorragie a entrambi gli occhi, varie vitrectomie eseguite con esito che solo l’occhio dx vede) che nel 2000 mi hanno portato al riconoscimento dell’invalidità (classe tabellare quarta, percentuale 76% con riconoscimento della pensione e dopo ricorso stra vinto) legge 68, grazie al quale sono riuscita a trovare un lavoro statale (con concorso riservato, per cui non beneficio della pensione, ovviamente) dal 2002.

    Ora, visto che il mio compenso glicemico continua ad essere assai precario, ho deciso di provare il microinfusore.

    Il mio attuale problema è:
    non ho diritto ad assentarmi dal lavoro (statale) per alcuna visita medica (massimo 18 ore all’anno, praticamente già consumate al 1 febbraio), perchè tutte le ore che “PERDO” devono essere recuperate.

    Dall’inizio di gennaio, per avviare le procedure e quant’altro relative al micro, mi sono già assentata per 6 giorni interi (lavoro in un capoluogo di provincia del Friuli Venezia Giulia ma il mio centro diabetologico è in tutt’altro luogo…. mi serve quasi un’ora da casa per raggiungerlo [in auto], e circa altrettanto per tornare dal lavoro [in treno.. mai puntuale!!!]) che ho avuto solo utilizzando le ferie (e non lo trovo giusto!!!!) … potrei richiedere il riconoscimento della legge 104? A me servirebbe solo per potermi recare ai vari controlli medici che sono obbligatoriamente richiesti. In caso sarebbe possibile anche solo per un tempo “ridotto” finchè non verrà ben avviata la terapia con il micro? Inoltre, avere la 104 è compatibile con il riconoscimento della patente di guida (ho una patente speciale per monocola che devo rinnovare ogni anno in commissione medica)?
    Sono davvero distrutta, tra levataccie e misurazioni notturne varie (oltre a tutte quelle giornaliere, sono arrivata a 16 glicemie al giorno), recuperare anche le ore di lavoro “perse” sta diventando un’impresa davvero ciclopica per me.

    Vi prego, aiutatemi.
    Grazie di cuore.
    Fran ;))

  46. 1 febbraio 2010 alle 16:53

    Ciao Viviana! Vorrei rincuorarti perché NON E’ PIU’ come 20 anni fa per le diabetiche insulino-dipendenti che vorrebbero fare le mamme!!! Grazie a Dio si riesce a portare avanti una gravidanza in modo praticamente identico alle altre future mamme! :) Ovviamente bisogna tenere molto sotto-controllo le glicemie (da prima del concepimento fino alla nascita) e andare più spesso dal diabetologo, ma credo proprio ne valga la pena! (Anzi, la GIOIA!!! :) ) Il mio consiglio da diabetica pluriennale è di cercare di tenere il più possibile compensato il diabete SEMPRE, perché solo in questo modo si riesce a vivere sereni, sani e quindi con una vita molto molto simile a quella di tutti i non-diabetici :) CORAGGIO Vivi!!!

    Ciao Francesca! Prima di tutto: concordo pienamente con la scelta del microinfusore! Proprio stamattina pensavo di chiedere a Tamtam di aprire un forum di discussione su questo argomento! :) I primi tempi sono seccanti perché sembra di non riuscire mai ad arrivare a una “quadra”, ma poi la qualità della vita cambia decisamente in meglio sotto tutti i punti di vista! (Io porto il micro da 6 anni e mezzo mentre prima, nell’ultimo periodo facevo 5 iniezioni al giorno, a volte pure 6). Veniamo al tuo quesito… Puoi senza ombra di dubbio chiedere il riconoscimento della Legge 104; il fatto che poi di concedano la “gravità” dell’handicap, purtroppo, nella pratica dipende sempre e solo dalla commissione. Il riconoscimento dell’handicap in sé NON ti permetterebbe di usufruire dei permessi. Tu prova, non ti costa nulla (o quasi). Per la patente non ti cambia nulla, è il semplice fatto di essere diabetica (anche se non avessi chiesto Legge 68 o 104) a obbligarti a rinnovare la patente con più frequenza.
    Per quanto riguarda le ore che ti fanno recuperare, ti inoltro qualche link. Leggi con attenzione e vedi se per caso non viene fuori che hai diritto a qualcos’altro rispetto a quello che ti danno già. Ciao!

    http://www.entilocali.provincia.le.it/nuovo/node/6586

    http://irpinianelmondo.wordpress.com/2008/07/08/assenze-per-malattia-circolare-funzione-pubblica-i-medici-generici-certificano-come-le-asl-altri-chiarimenti-per-la-riduzione-dello-stipendio/

    http://www.pinodurantescuola.it/Tab_riep_assenze.htm (sotto la voce “Assenze per gravi patologie”) –> vai a vedere le Leggi citate, probabilmente c’è qualcosa che può fare al caso tuo)

    http://www.diversabileonline.com/dministeriale/decreti_ministeriali.htm

  47. Francesca
    4 febbraio 2010 alle 11:40

    Grazie Ilaria
    per quello che mi hai scritto. Sai, in passato avevo già portato il micro per circa 3 anni e mezzo (più o meno 12 anni fa) ma il risultato era stato terrible. La mia emoglobina era passata da 8 circa a 12 quasi!!! Ecco perchè l’avevo voluto togliere (nonostante mi trovassi bene ad averlo e mi facesse sentire molto più “libera” delle iniezioni multiple) e sono passata prima a Lantus, e poi a Detemir fino a qualche settimana fa.
    Ho anche tentato la via del trapiando di cellule (San Raffaele) ma dopo essere stata accettata nella sperimentazione ho optato per non farlo…
    Ora ho ricevuto il Real Time (Veo) che avevo richiesto circa 3 anni fa (poco dopo che era apparso) ma la regione mi aveva risposto PICCHE… troppi soldi! :((

    La domanda relativa alla pantente era:
    se in caso riuscissi (la vedo assai dura) a farmi riconoscere l’invalidità grave della 104 e quindi ad ottenere i vantaggi in termini di giornate lavorative, quest’invalidità grave sarebbe compatibile con il poter avere una patente di guida (seppur con rinnovo così ravvicinato a causa del mio essere monocola e non per il diabete [così mi ha espressamente risposto la comissione medica... poi vai a saperlo tu qual'è il vero motivo per cui mi rimandano sempre in commissione])?

    Ho dato un’occhiatina veloce ai link che mi hai segnalato (grazie davvero di cuore) e dovrò prendermi il tempo per studiarli bene.

    In caso, la domanda per la 104 si fa anche quella ON LINE come leggevo, oppure è meglio che mi rivolga dove?… (altre giornate di ferie che se ne vanno…)

    Grazie ancora di tutto quanto.
    Fran

  48. 4 febbraio 2010 alle 12:34

    Ciao Francesca
    ti incollo un altro link relativo al “problema” patente: http://www.superabile.it/web/it/COMMUNITY/L'esperto_risponde/Superabilex/info1306527582.html
    La risposta mi sembra autorevole, quindi credibile, e mi pare di capire che nel TUO caso non ci sarebbero differenze fra avere l’Art.3-comma 3 (alias la gravità dell’handicap) e il non averlo. Cioè, se finora ti hanno reputato idonea alla guida non vedo perché avere una “etichetta” in più ti dovrebbe togliere questa idoneità. Se vuoi esserne più certa, però, contatta un’associazione per diversamente abili, anche solo via email, e sicuramente ti sapranno aiutare.
    Anche il riconoscimento della 104 va chiesto con la nuova modalità (quando si comila la domanda inline sul sito dell’INPS, si può indicare di quale tipoi di riconoscimento si ha bisogno). A PROPOSITO: io non sono più riuscita ad avere altre info sul nuovo iter. Devo riuscire a ricontattare quella dottoressa per avere un aggiornamento!
    Un’ultima cosa: i nuovi microinfusori sono piccoli, strepitosi e super-flessibili nel basale (la funzione da “insulina lenta”) e nel bolo ai pasti (che può essere anche di un decimo di unità!), per cui decisamente più performanti nel loro lavoro!
    Buona giornata, un abbraccio.

  49. Francesca
    5 febbraio 2010 alle 10:43

    Grazie Ilaria
    sei stata preziosissima. Ho letto l’interessantissima risposta data e ho trovato alcune interessanti risposte ad altri miei quesiti. Ma visto che ciso lo richiedo anche a te, se lo sai.
    Da quanto viene detto è possibile fare la richiesta per la commissione medica anche in altre ASL e non sempre e solo in quella di appartenenza. Siccome dove vivo io la commissione ha una “brutta fama” sulle reali capacità di essere obiettiva (basti pensare che alla mia prima richiesta di invalidità, alla consegna dei documenti accertanti la stessa [tutti riprodotti in fotocopia come mi era stato richiesto] e alla vista dell’incredibile mole fisica [una valigia tra certificati e cartelle cliniche] mi è stato risposto dal presidente “E non penserà mica che io legga tutta quella roba, vero?”…. no comment…) mi ero sempre chiesta se mi fosse possibile recarmi in altra ASL (oltretutto a me più comoda visto che lavoro in quella stessa città) ma nessuno aveva mai dato una risposta a questo.
    Quindi è possibile?
    Stessa cosa è fattibile per la richiesta di invalidità grave con 104?

    Grazie di nuovo di cuore.
    Fran

  50. 5 febbraio 2010 alle 11:04

    Ciao Fran

    Su internet ho trovato questo:
    “Nell’eventualità che il richiedente sia ricoverato o domiciliato in una Azienda USL diversa da quella di residenza, si può richiedere, all’ASL di residenza, la visita in delega”. Su un altro sito si parla anche di detenzione presso un istituto di pena diverso dalla propria residenza anagrafica. Quindi penso che dovresti trovare un domicilio a casa di qualcuno (e farti arrivare lì le comunicazioni relative alla pratica), magari non un carcere però! :D Così poi potresti fare richiesta in quell’ASL. E mi sa che è una cosa che converrebbe fare anche a me… io ho già la 104 ma NON la gravità, e ora visto che la mia situazione lavorativa è diventata TRAGICA, da precaria che era sempre stata, vorrei tentare l’iscrizione alle liste protette e, già che ci sono, l’invalidità civile così non ci penso più.

  51. holly
    10 febbraio 2010 alle 19:51

    salve.io son diabetica da 30 anni..mi avevan dato tanti anni fa un invalidita al 70%…ora con la nuova legge me l han tolta.ho un diabete scompensato, una un insuff renale di grado moderato secondario a nefroangiosclerosi,gastrite erosiva…operata di cataratta.operata per un ulcera anni fa…poi retinopatia diabetica con microaneurismi e una maculopatia essudativa, pi cistite cronica…..avrò diritto alla pensione???e

  52. Francesca
    10 febbraio 2010 alle 20:01

    Grazie Ilaria
    da quanto leggo, allora per ora non mi sarà possibile farlo… vabbè, LOTTERO’ come sempre con questi qui :-P

    Per la tua richiesta, io fossi in te la farei SUBITO. Io ho fatto la richiesta di invalidità del 2001 solo perchè non trovato lavoro e la dott.ssa mi ha SPINTA a farla. E grazie a questa, ora, lavoro in un posto pubblico dove mi trovo benissimo (a parte le restrizioni che ci ha messo il Brunetto per le visite ecc. ecc.) e ho colleghi eccellenti. Quindi non esitare a parti in quarta con la tua richiesta di invalidità.

    Per HOLLY
    io non sono un’esperta ma da quanto racconti sicuramente hai diritto all’invalidità. Te l’hanno tolta quest’anno? Fai una nuova richiesta immediatamente. Non mollare.

    Grazie a tutti
    Fran

  53. 10 febbraio 2010 alle 21:42

    Grazie Fran. Sono sempre stata contraria all’invalidità per i diabetici (parlo di quelli che stanno più o meno bene, ovviamente) ma è proprio per le questione lavorativa che ora vorrei chiederla…
    A presto!!!

  54. gabriele
    17 febbraio 2010 alle 10:10

    Ciao ragazzi.
    Con una invalidita’ del 60% sapete quali benefici posso ottenere?.
    grazie.

  55. 22 febbraio 2010 alle 23:24

    Ciao Gabriele. Su internet ci sono diversi siti che parlano di agevolazioni per le persone alle quali è stata riconosciuta l’invalidità civile. Ad es. http://www.aidel22.it/guidapratica/guidapratica_agevolazioni-benefici.htm
    Mi sembra che l’Agenzia delle Entrate abbia pubblicato sul suo sito un vademecum aggiornato non da molto. Inoltre dovresti guardare sul sito internet della tua regione di residenza, credo potrebbero esserci delle agevolazioni aggiuntive rispetto a quelle nazionali.

    Ragazzi vi aggiorno sulla nuova procedura per la richiesta d’invalidità. Bisogna andare dal proprio medico curante per il certificato anamnestico; nel caso lui/lei non abbia ancora il PIN dell’INPS, fino al 15 Marzo è possibile fargli compilare il modulo cartaceo da allegare alla “istanza d’invalidità per maggiorenni” (o qualcosa di simile) che si trova nella sezione “moduli” del sito dell’INPS. Nel caso del cartaceo, il PIN non serve neanche al paziente.
    Queste informazioni le ho ottenute dall’uff. di medicina legale dell’ASL 8 (ex 5) di Nichelino (TO) 5 giorni fa.

  56. marilena
    9 marzo 2010 alle 18:03

    ciao,sono la mamma di un bimbo diabetico di 2 anni esordito a 1 anno. sulle leggi nn sò niente,mi hanno detto che ci spettano 2 tipi di sussidi,è vero?

  57. 9 marzo 2010 alle 23:35

    Ciao marilena. Sono quasi certa che, data la giovanissima età del tuo bimbo, ti darebbero la Legge 104 Art. 33 comma 1 (handicap) e anche l’agognato comma 3 (gravità, ma unicamente nel senso che il bimbo ha bisogno di assistenza, non perché sia davvero “grave”). Per quanto riguarda il secondo beneficio di legge… boh! Sai a chi dovresti chiedere? A un’associazione di diabetici, meglio se specializzati in infanzia, tipo l’AGD (Associazione Giovani Diabetici), ma probabilmente ne esistono anche altre. Credo saranno felici di aiutarti! Molti di loro sono genitori :)

  58. marilena
    12 marzo 2010 alle 16:42

    grazie Ilaria,già sono in contatto con una associazione ma…. la burocrazia è complicata è già da 1 anno e ancora niente!

  59. 12 marzo 2010 alle 19:48

    Ma scusa, Marilena, almeno le informazioni saranno riusciti a dartele in un anno??? Almeno sapere a cosa avete diritto! Poi raggiungere ciò a cui si ha “teoricamente” diritto è chiaro, è un altro paio di maniche, siamo in Italia…!
    In che città è assistito il tuo bimbo?

  60. 12 marzo 2010 alle 20:04

    Ho lasciato da parte le polemiche e ho cercato su internet. Ti incollo 3 siti interessanti. Mi è sembrato di capire che il secondo “diritto” di cui parlavi è la “indennità di frequenza”, chiamata anche “”assegno di accompagnamento come indennità di frequenza”. Mi pare di capire che l’inter per ottenerlo sia la richiesta di invalidità civile.

    http://www.progettodiabete.org/indice_ie1000.html?leggi/sentenze_017.html

    http://www.progettodiabete.it/indice_ie1000.html?expert/2005/e2_02378.html

    http://www.diabetelibero.net/Diabete,235,Regione_Lombardia__Circolare_n.30__Linee_guida_per_l'inserimento_del_bambino_diabetico_a_scuola_120705.do

    Ciao!

  61. Christian
    15 marzo 2010 alle 10:53

    Ciao ,ho 31 e da 3 ho il diabete di tipo 2 (assumo 3 pastiglie di metformina da 500 al giorno ) ed ho un buon controllo glicemico, mi riconoscono qualche percentuale di invalidità o perdo solo tempo a presentare la domanda ?

  62. 15 marzo 2010 alle 20:10

    Ciao Christian. Guardando le tabelle che sono più in alto in questa pagina a me sembrerebbe che, come dici tu, se presenti la domanda perdi solo tempo… ma si tratta solo di qualche ora! Tu e il tuo medico di base dovete chiedere il PIN all’INPS e la cosa si può fare via internet, senza muoversi di casa. Quando entrambi l’avete, vai da lui e ti compila online il certificato, di cui ti rilascia il numero. Sempre da internet, tu compili la domanda di richiesta accertamento invalidità e mi pare che l’appuntamento te lo diano subito (per me non è stato così perché l’ho presentata cartacea e sto aspettando da 15 giorni che l’ASL mi chiami per l’appuntamento…).Quindi vai alla visita e aspetti un po’ di tempo che ti mandino la risposta.
    Perché non tenti? Ti consiglierei di fare un’unica richiesta per Legge 104, Legge 68/99 (invalidità) e inserimento nelle liste protette per il lavoro. Altrimenti la prossima volta devi ricominciare la procedura d’accapo!
    Facci sapere, ciao!

  63. Christian
    17 marzo 2010 alle 19:52

    Grazie mille per la risposta .

  64. 21 marzo 2010 alle 13:34

    Ancora io… ;D

    Volevo sapere se qualcuno sa dirmi (in caso anche un sito dove poterlo sapere) se è possibile scaricare dalla dichiarazione dei redditi la spesa effettuata per l’acquisto dei SENSORI (aggeggini da usare in “tandem” con il microinfusore) e dei quali la regione mi fornirebbe solo un minimo quatitativo (il sensore dura al massimo 6 gg e va poi va sostituito, il suo corso è attorno ai 90 euro al pezzo) e se si, in che percentuale è possibile scaricarlo.

    Ovviamente sono diabetica tipo 1 (dal 1981) e ho anche una percentuale di invalidità dovuta alle complicanze del diabete del 76%. Il micro (e il sensore) sarebbero dei presidi salvavita.

    Grazie a tutti e buona domenica di primavera (qui piove)! ;))

    Fran

  65. 22 marzo 2010 alle 11:48

    Ciao Fran!
    Ecco il link che ti può aiutare: http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/eb1e834dd13b071/730%202010_istruzioni%2016%2002%202010.pdf
    Guarda a pag. 28, dice: “spese relative all’acquisto o all’affitto di attrezzature sanitarie (ad esempio, apparecchio per aerosol o per la misurazione della
    pressione sanguigna)”. Direi che è ciò che ti serve, e la fonte è la più ufficiale che possa esistere ;)
    Ciao!

  66. 22 marzo 2010 alle 14:46

    Grazie Ilaria
    ho dato un’occhiata veloce… ma non riesco a capire se ho diritto o meno a poter detrarre questo costo, in quanto non ho (purtroppo me la posso solo sognare!!!) la 104… quindi… mi pare di capire che non se ne parlerebbe proprio :(((

    Mi sa che l’unica sarebbe incatenarsi davanti al Governo a Roma??!! Forse così otterrei qualcosa… mah!!??

    Cmq grazie mille davvero.
    Sei come sempre super gentile e disponibile.

    Fran

  67. 22 marzo 2010 alle 17:21

    …perché dici che, se non hai la 104, non puoi detrarre quelle somme? Lì si parla di spese sanitarie detraibili. L’unica cosa è che, con la 104, detrai l’intera cifra e non solo quella che eccede i 129-Euro-virgola-qualcosa. Ma per il resto, anche io ho letto alla veloce ma mi pare che valga per tutti.
    Ciao Fran

  68. 23 marzo 2010 alle 00:11

    Ciao Francesca!
    Ilaria ha ragione, puoi detrarre il 19% di tutte le spese mediche cumulate in un anno (superiori a 129,11 euro) e su cui paghi ticket. Lo stesso vale per le spese su cui avresti esenzione ma paghi uguale, tipo per i sensori del micro o per le strisciette in più che compri rispetto a quelle che la tua asl ti passa.

    Ricordati di portare la tessera sanitaria quando vai a pagare in farmacia e farti dare lo scontrino “speciale”.
    Conserva tutti gli scontrini (meglio se li fotocopi, la scritta dello scontrilo ha la cattiva abitudine di scomparire dopo un pò), potrebbero chiederteli ad un controllo fiscale anche fino a 5 anni dopo la dichiarazione del 730.

    Se hai la 104 detrai tutto, senza franchigia di 129,11 euro.

  69. 23 marzo 2010 alle 12:44

    Ciao Tamtam! Bentornato! Ti davamo per disperso! :p

  70. gabriele
    7 aprile 2010 alle 10:15

    Ciao ragazzi la commissione medica mi ha rilasciato l’invalidita’ per un punteggio del 60% per il diabete di tipo 1 insulino dipendente 4 volte al giorno.Volevo sapere per quanto rigurda una polizza assicurativa il medico legale che percentuale di invalidita’ mi puo’ rilasciare visto che la percentuale applicata e’diversa da quella rilasciata dall’asl,e con quale criterio viene calcolata.?
    Grazie.

  71. 11 aprile 2010 alle 13:51

    Ciao Gabriele. Non ho capito se la polizza assicurativa la vuoi stipulare “adesso” (ovvero, dopo che l’invalidità ti è già stata riconosciuta) e inoltre di che tipo di polizza parli (sanitaria?). Perché alcune assicurazioni NON permettono ai diabetici insulino-dipendenti di stipulare, ad esempio, polizze infortuni (vd. http://www.polizza-infortuni.it/labels/confronto%20polizze%20infortuni.html). Quindi bisognerebbe chiedere informativa scritta alla/alle assicurazione/-i di tuo interesse, dove dovrebbe esserci scritto come procedono.
    Purtroppo io non so aiutarti di più… TamTam??? PLEAE, HELP!!! :)

  72. 13 aprile 2010 alle 23:06

    Non so nulla a riguardo… L’unico motivo per cui farei una polizza sanitaria è in occasione di un viaggio all’estero in un paese fuori dall’UE o non coperto da convenzioni internazionali.

    In italia la mutua ti passa (quasi) tutto, e un’assicurazione sanitaria avrebbe costi elevati visto che il rischio è più alto.

  73. 26 aprile 2010 alle 09:05

    Ciao ragazzi. Volevo aggiornarvi sulla mia pratica per il riconoscimento (eventuale) dell’invalidità… Il 1° Marzo ho presentato la domanda cartacea all’ASL di residenza (fino al 15 Marzo era ancora possibile). All’ASL mi dissero che mi avrebbe chiamato l’ASL per fissare la data della visita. Il 23 Aprile, quindi dopo quasi due mesi, chiamo la medicina legale dell’ASL e chiedo se è normale non aver sentito ancora nessuno e… MI DICONO CHE E’ ANCORA PRESTO!!! Devo richiamare a fine Maggio e mi sapranno dire qualcosa.
    A ME SEMBRA UN SACCO DI TEMPO!!! TROPPO!!! Io vorrei cercare di iscrivermi nelle categorie protette dato che è quasi un anno che sono disoccupata e non ho ancora trovato uno straccio di lavoro! Di solito la cosa durava solo qualche mese… Ora è evidente che, con le mie sole forze, non riuscirò a sistemarmi! (Ormai vado per i 36 anni…). I risparmi, di cui sto vivendo, calano vertiginosamente!
    Sapete se esiste un altro Paese con altrettanta burocrazia in tutti i settori?…
    Grazie. Ciao.

  74. 26 aprile 2010 alle 09:06

    Scusate, la domanda l’ho presentata all’INPS e sto aspettando la chiamata dell’ASL. Ed è l’ASL che ho sollecitato.

  75. 28 aprile 2010 alle 11:17

    Ciao Ilaria! Purtroppo i tempi sono biblici… nel frattempo, se ti capita qualche colloquio, puoi comunque indicare nel curriculum che hai fatto richiesta per le categorie protette.

    Un grosso in bocca al lupo, facci sapere come va a finire =)

  76. 28 aprile 2010 alle 11:20

    Ciau Tamtam! Forse gli fischiavano le orecchie… mi è appena arrivato il telegramma di convocazione alla visita! :D L’unico inghippo è che, diversamente da quanto richiesto sul modulo, me l’hanno fissata al mattino, cioè quando avevo chiesto di NON fissarla (perché nessuno potrebbe accompagnarmi e la visita devo farla in un altro comune). Ho telefonato ma non si può fare niente. AMEN!
    Vado il 6 maggio, vi farò sapere!!! Grazie di tutto, ciao.

  77. viviana
    3 maggio 2010 alle 17:51

    ciao a tutti vorrei chiedervi una cosa secondo voi è normale avare sempre i valori dalla glicemia come una persona normale io non ci capisco più niente….l’ultimo controllo che o fatto della glicata da 9.5 ero scesa a 6.9 e la mia diabetologa da 3 punture al giorno mi ha dato solo quella dalla notte e la rapida hai pasti solo se supera i novanta ma secondo voi è una cosa normale sinceramenta ho un po di paura grazie a tutti a presto

  78. 3 maggio 2010 alle 21:25

    Ciao viviana, quanto tempo! :) Stai tranquilla, è normale: secondo me sei nella cosiddetta “luna di miele”. In pratica, dopo qualche mese che si diventa diabetici si può passare un periodo in cui il tuo pancreas si “mette sotto” a fare il suo lavoro. Successe anche a me (mi pare dopo circa 4-5 mesi dall’esordio del diabete), pensa che l’insulina me la tolsero del tutto per diverse settimane! Tu fai sempre le tue glicemie così quando il livello sale puoi sentire la diabetologa e agire di conseguenza. La notizia brutta è in realtà il contrario: questo periodo non è eterno… Ma vabbeh, meglio che niente, no?! :) Un abbraccio forte-forte!

  79. viviana
    6 maggio 2010 alle 11:39

    ciao ilaria è si me lo a detto anche la mia diabetologa ma sinceramente spero che duri per un po visto che sto incominciando ad abituarmi al tutto o solo un problema continuo a dimagrire è questo che mi spaventa un po sinceramente vedremo a luglio quando ho il controllo un bacione e a presto ciao ciao

  80. 6 maggio 2010 alle 13:12

    Ma sul dimagrimento la diabetologa ti ha detto qualcosa? Tu tieni sempre la glicemia sotto controllo e fai una vita regolare (orari, pasti, un po’ di attività fisica ecc.), è l’unico modo per far durare la luna di miele il più possibile :)

    Io stamattina sono andata per la visita medico-legale per l’accertamento dell’invalidità. Sarò stata dentro 5 minuti! Non hanno neanche guardato le mie ultime glicemie! Avevo anche due ecografie e non hanno guardato niente! Hanno solo voluto vedere, per registrarli sul loro computer, gli ultimi esami ematochimici fatti e l’ultima relazione del diabetologo. Non mi hanno neanche chiesto niente della gestione quotidiana della malattia, di eventuali ipo ecc. Io qualcosa comunque ho detto! Anche perché sentivo che dicevano “Buon compenso, nessuna ipoglicemia…”. E io: “Nessuna che mi abbia fatto cadere per terra in mezzo alla strada, ma se guardate le glicemie vedere quante ipo ci sono state!!!” Poi mi hanno salutato dicendo che fra un paio di mesi riceverò una raccomandata con l’esito della visita… Non mi hanno neanche detto/chiesto nulla delle altre cose che il medico curante aveva scritto sulla sua relazione (lieve ipertensione, portatrice sana di Beta-talassemia, favismo). L’impressione che ho avuto è che avessero già deciso PRIMA ANCORA che io entrassi da loro!!! Non credo che otterrò nulla… :(

  81. Marco
    10 maggio 2010 alle 15:17

    Ciao a tutti, mi Chiamo Marco ed ho 31 anni.

    Da un paio di anni mi è stata riscontrata la diagnosi di diabetico con Diabete Mellito di II° Tipo. qualcuno sa dirmi se tale patologià permette l’inserimento nelle liste della Legge 68/99 o dove posso eventualmente reperire maggiori informazioni.

    Grazie.

  82. 10 maggio 2010 alle 17:58

    Ciao Marco, benvenuto tra noi! :) Praticamente tutte le info essenziali si trovano all’inizio di questa pagina, per opera di Tamtam. Come potrai dedurre anche da tutti i commenti in questo forum, però, il “solo” fatto di essere diabetico non “garantisce” che la commissione medico-legale permetta di aver il 46% di invalidità civile e potersi iscrivere nelle categorie protette (46% è la percentuale minima da avere per l’iscrizione). Se guardi la tabella nell’articolo di Tamtam, vedrai che qualche complicazionuccia serve… anche se in realtà è meglio che le complicanze si facciano vedere più tardi possibile!!!

  83. viviana
    11 maggio 2010 alle 17:54

    ciao ilaria scusa se ti rispondo solo adesso si dai più o meno faccio una vita tranquilla casa lavoro casa e attività fisica giocando alla wii e faccio tanto movimento in palestra dopo 8 ore di lavoro non ce la farei mai purtroppo lo so che quelli delle commissioni mediche se ne fragano dei probelmi che uno ha e anche secondo me prendono le decisioni già prima che uno entri qhualche anno fa avevamo richiesto l’invalidità per mia nonna e davanti alla commissione medica è arrivata in barella diabetica con problemi cardiaci e demenza senile con tutte le carte che parlavano è entrta e dopo due secondi di orolodio era già fuori e non anno letto neanche le carte e neanche una visita anno detto a mia mamma le faremo sapere secondo me questo non è giusto ma purtroppo è la sanità italiana a presto e inbocca al lupo un abbraccio

  84. davide
    23 giugno 2010 alle 19:00

    ciao a tutti io sn diabetico da quando avevo 11 anni ora ho 26 anni.. Io nn sopporto che lo stato mi reputa invalido a sua convenienza per fare lavori cm poliziotto carabiniere,militare ecc nn vado bene ma se scoppia una guerra lo stato mi chiama!!! io ho fatto sport da quando avevo 8 anni ma alla fine il beneficio che lo stato ci da qual’è un calcio nel sedere????

  85. marina
    14 luglio 2010 alle 14:21

    buongiorno,mio marito 69 anni è stato chiamato a visita per l’accompagno dopo 2 anni è cieco parziale (1\60) insulino dipendente con altre patologie, volevo informazioni per quando riguarda la risposta. grazie a tutti per la disponibilità e gentilezza

  86. ANTONIO
    16 luglio 2010 alle 17:13

    CIAO A TUTTI,HO 67 ANNI SONO DIABETICO DA OLTRE 14 ANNI HO SUBITO 8 INTERVENTI DI ANGIOPLASTICA ALLE GAMBE, UNA DELLE GAMBE HO SUBITO CANGRENA E SONO RIUSCITO A GUARIRE GRAZIE AL MEDICO VASCOLARE CHE MI HA TENUTO IN CURA CHE A MIA MOGLIE CHE MI A ASSISTITO CON FASCIATURE E TERAPIA PER BEN 2 ANNI,HO FATTO RICHIESTA DELLA LEGGE 104 PIU’ L’ACCOMPAGNO, IN QUEL TEMPO ERO COSTRETTO SULLA SEDIA A ROTELLE, FACCIO PRESENTE CHE LE VISITE SANITARIE SIA PER LA 104 CHE PER L’ACCOMPAGNO SONO STATE FATTE DALLA STESSA COMMISSIONE MEDICA. VORREI SAPERE COME E’ POSSIBILE CHE NEL DECRETO PER LA 104 SONO DICHIARATO DI GRAVITA SERIA E NEL DECRETO PER L’ACCOMPAGNO LE CONDIZIONI FISICHE SONO DICHIARATE MEDIO GRAVE. E’POSSIBILE AVERE DUE DEFINIZIONI DALLA STESSA COMMISSIONE MEDICA? A DISTANZA DI SOLO 2 MESI, SONO GRAVE O MEDIO GRAVE?

  87. Martina
    17 luglio 2010 alle 08:42

    Ciao sono Martina, ho letto grazie ad un’amica questi link e un pò mi incoraggiano, sono diabetica dal febbraio 2009 ed a giugno 2009 sono stata messa in cassa integrazione perche la mia azienda ha chiuso. Non potendo andare avanti con quello stipendio avendo il mutuo ho trovato un posto in una reception di una palestra con un contratto dove non sono tutelata, se sono ammalata non mi pagano, non ho tredicesima, ferie 0 contributi mi devo arrangiare, non sono serena! Vorrei solo un posto di lavoro dipendende con tutti i miei diritti. Prima ero in fabbrica e facevo l’operaia come tutti i miei colleghi quindi non per questo voglio una scrivania ed un pc! Grazie mille! Ciao

  88. samuele
    29 agosto 2010 alle 22:03

    ciao a tutti sono un ragazzo di 22 anni ho il diabete da quando avevo 2 anni.
    ho fatto domanda per fare il militare come volontario ma nessuno mi ha saputo dire se fosse compatibile con la malattia oppure no!ora mi hanno detto che sarei da riformare che voi sappiate ce una normativa che prevede che i diabetici possono svolgere i servizi militari se cosi non dovesse essere di quale agevolazione posso usufruire visto che hanno deciso di riformarmi dopo 2 anni di limpido servizio e mi hanno giudicato incompatibile??

  89. roberto
    30 agosto 2010 alle 06:51

    riguardo il militare non te lo faranno fare—-prova se vuoi servizio civile.
    1° fai domanda per invalidita’
    2° dopo il riconoscimento puoi iscriverti liste collocamento invalidi ,hai molte possibilita’ di un buon impiego
    3°con invalidita oltre una certa soglia di percentuale 65% hai diritto ad assegno mensile/agevolazioni trasporti/iva etc etc.
    Ma ilmio augurio e’ che tua non abbia i requisiti per invalidita’..cosi’ giovane
    vorrebbe star dire che nn sei malato cronico e il tuo diabete si cura bene.
    Ciao auguri Roberto

  90. nicoletta
    8 settembre 2010 alle 08:12

    salve a tutti sono nicoletta e ho il diabete di tipo 1 da quando avevo 18 ho la patente da tre anni non ho mai fatto alcun tipo di domanda perche avevo paura che mi togliessero la patente sono seguita da un centro diabetologico ma da qualche tempo ho scoperto che ho un piccolo problema ai reni ho la cataratta neuropatia e altri problemi vorrei sapere se devo segnalare che ho il diabete per la patente cioe se e obbligatorio grazie mille

  91. 13 settembre 2010 alle 21:19

    io sono diabetica insulina dipendente dal aprile 2007 ho hatto domanda xkè cosi mio marito mi poteva sevire senza perdere giorni lavorativi ma mi hanno datto solo il 35% come mai?????????????

  92. roberto
    14 settembre 2010 alle 09:23

    ciao pratolaelisa
    per avere diritto dei giorni di permesso /ti basta fare domanda per la legge 104 alla a.s.l.
    invalidita’ e’ una cosa legge 104 e’ un’altra cosa/credo nn avrai problemi ad ottenerla.
    ciao

  93. 5 ottobre 2010 alle 19:09

    Ciao ragazzi, rieccomi!!! Vi aggiorno: avevo richiesto visita per invalidità + Legge 68; fatto la visita a Maggio; la commissione disse che avrei ricevuto il verbale in un paio di mesi, solo che fino a oggi non è arrivato; qualche giorno fa mi chiama la vicina di casa che ultimamente mi prende la posta (sono via da un po’, fra un concorso e un matrimonio fuori Piemonte), dicendo che c’è un telegramma – glielo faccio aprire e scopro che il 15 settembre mi sarei dovuta recare all’ASL per una visita! Chiamo il giorno dopo e viene fuori che no, non è un errore, ma questa è la visita per la Legge 68!!! E mi chiede: “Ma che percentuale di invalidità le hanno dato?” Ecchennesò, mica ho ricevuto il verbale! “Allora aspetti che glielo dico io… prendo la sua pratica… 46%”. MORALE DELLA FAVOLA: mi è stata riconosciuta giusta-giusta quell’invalidità che serve per l’iscrizione alle categorie protette, ma in mano non ho ancora nulla e, quel che è peggio, probabilmente anche se avessi il verbale non basterebbe per l’iscrizione!

    TamTam, tu hai mai sentito parlare di due visite diverse, anche se il riconoscimento dell’invalidità civile e quello per la L.68 sono state richieste contemporaneamente, sullo stesso modulo? Ora andrò a questa seconda visita a Novembre, ma quanto dovrò aspettare il secondo, e più utile verbale??? UFF

  94. martina
    13 ottobre 2010 alle 20:03

    Ciao, sono Martina ed ho 37 anni, da un mese circa ho inoltrato la domanda per invalidità (legge 68 ) mi chiameranno prima o poi. La mia domanda è che dopo aver fatto la visita e aver riconosciuta l’invalidità, dovrò fare il rinnovo della patente e volevo sapere quanto di glicata è accettato e con quale livello di glicata ti stracciano la patente. Io in questo momento sono al 7,4….AIUTOOOO!!!

  95. 14 ottobre 2010 alle 15:52

    Ciao Martina. Con una glicata come la tua la patente mica te la stracciano! :) Più che per la patente, con delle glicate brutte mi preoccuperei per le complicanze del diabete. Penso che, per quanto male possa andare (ma non ci si limita a guardare solo la glicata), al limite ti rinnovano la patente di anno in anno. Ciau!

  96. Francesca
    14 ottobre 2010 alle 17:01

    x Martina:= con la tua glicata, vai pure tranquilla!!! Magari io!!! :D
    Da quel che ne so, almeno qui da me, con una glicata da 9 in sù la patente NON te la danno proprio e ti fanno tornare dopo 3 mesi, ma non so proprio dirti se è una regola nazionale oppure solo della mia regione (Friuli Venezia Giulia).

    Vai tranquilla per la patente :)
    Ciao Fra

  97. 15 ottobre 2010 alle 11:11

    Hai colto nel segno, Francesca! Parli di “regola nazionale”, che in effetti non esiste perché le regole sono MOOOOOOLTO vaghe! Dipende, anzi, anche da commissione a commissione all’interno della stessa ASL.

  98. martina
    15 ottobre 2010 alle 16:07

    Grazie per le delucidazioni e volevo dire a Francesca che anch’io sono friulana in provincia di Udine per cui posso stare un pò tranquilla.

  99. Martina
    28 ottobre 2010 alle 09:07

    Ciao a tutti, mi hanno convocata alla visita per l’invalidità….sono stati anche veloci ma vorrei chiedere una cosa, io attualmente sto “lavorando” non sono una dipendente in quanto il mio è un contratto di associazione in partecipazione dove io partecipo solo agli utili dell’azienda a fine anno (non molti) ma insomma piuttosto di niente…la mia domanda è se mi viene riconosciuta l’invalidità per poi inserirmi nelle liste delle categorie protette, devo essere disoccupata o va bene anche con il mio contratto?

  100. Floriana
    19 novembre 2010 alle 01:48

    ciao a tutti…è la prima volta ke scrivo su qst tipo d forum…m vergogno anke un pò se devo essere sincera soprattutto perkè d leggi nn me ne intendo molto…quindi vi kiedo scusa x la mia ignoranza. Niente…mi kiedevo cm si fa ad usufruire delle agevolazioni x un posto di lavoro? nel senso…di solito si manda un curriculum vitae ad un’azienda…ed è da lì ke avviene una prima selezione,quindi dovrei scriverlo sul curriculum?? e poi…automaticamente posso usufruire della legge 104 (visto ke fino a qnd mia mamma nn è andata in pensione ne ha usufruito lei),o devo fare una rikiesta?
    cmq,io credevo ke una”pensione minima” spettasse x legge a tutti i diabetici,e nn in base al grado d’invalidità…quindi se facessi la rikiesta nn penso ke riuscirei ad ottenerla,visto ke pur essendo insulino-dipendente d tipo 1 ,nn ho nessun’altra patologia PER FORTUNA!!
    ah…e x qnt riguarda la domanda x un concorso??dove e cosa dovrei scrivere?? ma anke x le tasse universitarie avrei delle agevolazioni??
    un’ultima domanda… l’ultima volta ke ho rinnovato la patente il dottore ke m ha rinnovato la patente x soli 4 anni e nn 5 x una glicemia d 200(perkè all’asl aprono sempre cn i loro comodi..quindi alle 9 è normale ke mi si fosse alzata un pò)mi “consolò” dicendomi ke magari la prox volta nn avrei dovuto fare tt quegli esami perkè forse dovevano cambiare la legge(nn m ha consolato affatto perkè mio nonno ha 82 anni e nonostante sia tremolante gli rinnovano la patente tranquillamente!!!).va bè…c sn novità?? mi sa ke mi tokkerà sopportare le file interminabili x fare tt quegli esami!! stavolta ho finito :o) ciao a tutti

  101. giuseppa
    19 novembre 2010 alle 07:17

    SONO UNA DONNA DI 55 ANNI E PURTROPPO AFFETTA DA DIVERSE PATOLOGIE CHE LE ELENCO:1)DISCOPATIA POST LAMINECTOMIA,2)OBESITà,3)DIABETE MELLITO,4)IPERTENSIONE ARTERIOSA,5)SINDROME METABOLICA,6)RADICOLOPATIA L5-S1 BILATERALE,7)STEATOSI EPATICA DI GRADO SEVERO,8)RIZOARTROSI E X QUESTA CAUSA MUOVO LE MANI CON ENORME DIFFICOLTà,9)SINDROME ANSIOSA DEPRESSIVA CON CRISI LIPOTIMICHE,10)SINDROME DISVENTILATORIA A PREVALENTE COMPONENTE OSTRUTTIVA,11)GASTRODUEDENITE,12)ARTROSI METATARSALE E INIZIALI SEGNI DI SPINA CALCANEARE BILATERALE,13)GLAUCOMA CRONICO 4° e 5° stadio,14)FIBROMIALGIA ACUTA….E PER QUEST’ULTIMA SONO MOLTO LIMITATA NEI MOVIMENTI TANTO KE FACCIO MOLTA FATICA X METTERMI A LETTO E RIALZARMI QUANDO NECESSITA E PER SPOGLIARMI E RIVESTIRMI……PER TUTTE QUESTE PATOLOGIE NON MI VIENE PRESCRITTO ALTRO CHE INTEGRATORI COME:LUTEINA,ACIDO ALFA LIPOICO,GLUCOSAMINA,CALCIO, MAGNESIO ECC ECC…(PER ULTIMO DA 3 MESI HO PROBLEMI DI STOMACO CHE NON RIESCO A RISOLVERE GASTROENTERITE ACUTA).PER’ALTRO PARECCHIO ONEROSI PER ME CHE NON HO ALCUN REDDITO… NELL’ANNO 2005 FECI DOMANDA PER OTTENERE L’INVALIDITà CIVILE CHE MI VENNE RICINOSCIUTA NELLA MISURA DEL 46% MA ERO GIà TITOLARE DI UN’INVALIDITà DEL 35% DA OLTRE 20 ANNI.HO FATTO RICORSO E NEL 2008 MI VENNE RICONFERMATO IL 46%.VORREI CHIEDERE:HO DIRITTO ALL’INDENNITà D’INVALIDITà CIVILE?DA OLTRE 1 ANNO FACCIO LA MEDESIMA DOMANDA SCRIVENDO A TUTTE LE RUBRICHE CHE NE VENGO A CONOSCENZA MA,MAI NESSUNA RISPOSTA.UN GRAZIE DI CUORE A CHI VOLESSE RISPONDERMI .GIUSEPPA.

  102. giuseppa
    19 novembre 2010 alle 07:30

    MIO MARITO NEL 2007 AVVIò LA PRATICA PER OTTENERE L’ACCOMPAGNO VISTI I REQUISITI… SI ASPETTAVA LA VISITA DOMICILIARE MA DA QUASI 2 MESI E MORTO…COME BISOGNA PROCEDERE ADESSO PER FAR SI CHE SI CHIUDA LA PRATICA?MI SPETTANO GLI ARRETRATI?NON CONOSCENDO LE LEGGI NON HO ANCORA FATTO NULLA,MI VIENE DETTO DI INTERVENIRE PERCHè MI SPETTANO GLI ARRETRATI A ME E AI FIGLI MA NON SO COME MUOVERMI,CHI NE SA MI PUò VENIRE IN AIUTO?GRAZIE GIUSEPPA.

  103. giuseppa
    19 novembre 2010 alle 07:34

    MIO MARITO NEL 2007 AVVIò LA PRATICA PER OTTENERE L’ACCOMPAGNO VISTI I REQUISITI… SI ASPETTAVA LA VISITA DOMICILIARE MA DA QUASI 2 MESI E MORTO…COME BISOGNA PROCEDERE ADESSO PER FAR SI CHE SI CHIUDA LA PRATICA?MI SPETTANO GLI ARRETRATI?NON CONOSCENDO LE LEGGI NON HO ANCORA FATTO NULLA,MI VIENE DETTO DI INTERVENIRE PERCHè MI SPETTANO GLI ARRETRATI A ME E AI FIGLI MA NON SO COME MUOVERMI,CHI NE SA MI PUò VENIRE IN AIUTO?(IN CHE MISURA SPETTANO GLI ARRETRATI A ME E AI FIGLI COME EREDI? GRAZIE GIUSEPPA.

  104. roberto
    19 novembre 2010 alle 11:38

    per floriana:
    legge 104 ne puoi usufruire solo se lavori.
    Per ottenerla con diabete devi avere complicazioni…serie speriano di no.
    Per iscriverti collocamento liste speciali disabili,deve esserti stata riconosciuta invalidita’non so in che perc%.
    Per concorsi pubblici vedi che quando compilerai modelli di adesione a detti concorsi ci sono dei riquadri ove specificare (handicap)o invalidita’.
    Ciao a presto auguri e buona fortuna.

  105. 29 novembre 2010 alle 23:04

    vorrei sapere quanto si prende con l’invalidita del 91per cento io gia prendo quella delle 264 euro mensile ora dovrei prendere l’accompagno ma nn so semi danno il 91per cento o il 100 per 100

  106. alfredo cuomo
    12 dicembre 2010 alle 07:32

    Buongiorno sono Alfredo ho 50 anni sono stato sempre disocupato da quasi 4anni
    sono diabetico non ho nessun sostegno potrei fare un prtatica per percepire
    dallo stato un sostegno per andare avanti e dove devo rivolgermi
    grazie

  107. costantino
    15 dicembre 2010 alle 16:45

    Ho scoperto da poco di essere diabetico, chissa da quanto tempo ero affetto da questa malattia. Non faccio un lavoro pesante fisicamente esendo impiegato, il guaio à riuscire a preparare il pasto con tutte le dosi e pietanze “particolari” che bisogna seguire, specie nei giori in cui devo fare il rientro pomeridiano, avendo una pausa di 1 ora. Spero che ci siano agevolazioni che mi consentano di avere più tempo a mia disposizione, perchè tante volte non riesco a seguire la dieta corretamente. Se avete qualche suggerimento da darmi ne sarei felice.

  108. Ilaria
    15 dicembre 2010 alle 16:56

    Ciao Costantino
    io spero che ti abbiano fatto parlare con un dietista o dietologo! (di quelli che collaborano con il diabetologo) Dovrebbero spiegarti come fare le sostituzioni nella dieta! Comunque alla fine puoi mangiare quasi normalmente, l’unica cosa sono le quantità dei carboidrati (pane, pasta, riso, grissini ecc.) che devono rimanere COSTANTI perché l’insulina agisce su questi “zuccheri lenti” (oltre che sugli zuccheri a veloce assorbimento, quindi NON è il caso di sostituire il frutto di fine pasto con un succo di frutta, il cui zucchero arriverebbe nel sangue molto più velocemente).
    Scusa, ho dato per scontato che tu faccia l’insulina, ma credo che funzioni allo stesso modo con gli antidiabetici orali, eventualmente.
    I primi mesi da diabetico sono sicuramente i peggiori, perché devi fare cose a cui non sei abituato. All’inizio ti tocca anche pesare quello che mangi, ma poi diventerai bravo a pesare “a occhio”! E imparerai che se mangi una mela o un’arancia o due prugne più o meno è uguale. Pian piano vedrai che torna tutto più o meno come prima perché non è poi il diabete, SE tenuto sotto controllo, una cosa così disastrosa :) Stai sereno!!!! :)

  109. mario
    16 gennaio 2011 alle 14:41

    ho 48 anni con 33 anni di contributi da 31 anni sono diabetico con conplicazioni retinopatia lazerizata ipertensione arteriosa microalbuminuria ultimamente ho avuto ischemia talamica dx neurite vestibolare o diritto alla pensione categoria Io

  110. Ilaria
    16 gennaio 2011 alle 16:45

    Ciao Mario. Che io sappia, ci sono delle agevolazioni nel pre-pensionamento di invalidi civili. Tu non dici comunque se hai già ottenuto il riconoscimento dell’invalidità. Esattamente però non so che percentuale serva e quanto tempo prima puoi andare in pensione, forse dovresti provare a chiedere ad un patronato. Se non sono loro a poterti dare queste informazioni, prova a chiedere consiglio su come muoverti. In bocca al lupo!

  111. 2 febbraio 2011 alle 14:26

    ciao..o mio figlio di sei anni e pultroppo gia da tre anni con il diabete e credetemi e dura per un bambino fare quattro insuline al giorno o fatto la domanda di invalitita’ e mi e stata accettata l’itentita’ di fregueza ma io essendo una ragazza madre o bisogno di lavorare ma pultroppo non posso perche’ non o nessuno che accudisce mio figlio secondo voi mi possono dare una penzione….se cortesemente c’e qualcuno che ne capisce e mi puo’ aiutare….

  112. simo
    3 febbraio 2011 alle 12:50

    Ciao a tutti.. sono un ragazzo di 25 anni diabetico praticamente dalla nascita.
    non ho mai richiesto nessuna agevolazione, sia perchè ho sempre lavorato, sia perchè non mi sono mai sentito disabile o invalido e mi ha sempre dato fastidio pensarlo.

    Purtroppo, però, il lavoro che facevo ho dovuto abbandonarlo perchè non riuscivo a controllarmi e mi rendo conto che tutti questi anni di diabete scompensato iniziano a farsi sentire nonostante la mia giovane età. Ora, faccio un altro lavoro ma non riesco a concentrarmi al meglio. Inizio ad avere delle leggere complicanze,(retinopatia, nefropatia).Al di là di questo non mi sento sicuro e non riesco a lavorare a tempo pieno.
    mi chiedevo se potrò avere delle agevolazioni e quali, e che percentuale danno per una situazione del genere.
    ciao e grazie

  113. Alfonso
    21 febbraio 2011 alle 20:08

    Salve a tutti…mi chiamo alfonso e ho 18 anni diabetico da 7…il prossimo anno dovrei entrare nel mondo universitario….volevo sapere se posso avere agevolazioni iscrivendomi in qualche facoltà…

  114. Ilaria
    23 febbraio 2011 alle 22:42

    Ciao Alfonso

    Purtroppo non ci sono agevelazioni… C’è qualcosina per chi ha l’invalidità, ma di solito per avere uno sconto sulle tasse serve almeno il 50% di invalidità (dipende comunque dagli Atenei, informati sul sito dell’università che hai scelto!). In bocca al lupo!

  115. martina
    24 febbraio 2011 alle 16:10

    Ciao a tutti, finalmente è arrivato il verbale della commissione e mi hanno attribuito un’invalidità pari al 55%.
    Vorrei sapere se nel caso trovassi lavoro da sola e senza essere iscritta nelle categorie protette ma avendo appunto un’invalidità del 55%, l’azienda che mi assume può assumermi come invalida oppure devo comunque iscrivermi al centro per l’impiego come appartenente alle categorie protette?

  116. Riccardo Irrera
    13 marzo 2011 alle 15:20

    Da due anni soffro di Diabete alimentare di I° livello, per ottenere il rinnovo delle strisciette e delle lancette per il controllo della glicemia, una volta andavo dal mio medico curante che mi richiedeva una visita Endocrinologica per tale rinnovo. Oggi, il mio medico curant mi richiede il codice regionale del medico a cui dovrei rivolgermi per tale situazione, ma che senso ha tutto ciò, tenuto conto che il mio medico curante conosce tutto il mio stato di salute che tra l’altro è testato IRREVERSIBILE, che mi è stata riconosciuta l’esenzione ticket per tale patologia. E’ normale tutto ciò o il mio medico è in errore? Inoltre visto che il problema è alimentare, ho diritto ai cibi che vengono dati in farmacia per tale malattia? Grazie.

  117. Ilaria
    13 marzo 2011 alle 20:24

    Ciao Riccardo! Premetto che non sono ferrata in materia che non sia diabete insulinodipendente… ma parto dal presupposto che, fino ALMENO a non molto tempo fa, dal punto di vista delle strisce per la glicemia i diversi tipi di diabete significavano solo una diversa quantità fornita. Ho fatto una veloce richiesta su internet e in Piemonte in effetti il piano di trattamento è informatizzato e non sempre il medico di famiglia può fare le veci del diabetologo. Quindi in effetti potrebbe esserci per lui una voce obbligatoria da riempire (magari al fine di evitare che qualcuno possa chiedere le strisce prima al diabetologo e poi ANCHE al medico di base) –> vedi qui: http://www.aslto4.piemonte.it/document.asp?codice=33422011&codType=2 Cerca per la tua regione mettendo su un motore di ricerca il nome della tua regione e parole tipo DIABETE STRISCE REATTIVE 2011 (l’anno, in modo da trovare informazioni aggiornate). Oppure puoi chiamare la tua ASL e chiedere al centralino di passarti qualcuno che ti possa dare info sul materiale a cui hanno diritto i diabetici.
    Per l’ultima domanda… mi sa che devi proprio sentire l’ASL…!
    In bocca al lupo!!!

  118. andrea
    28 marzo 2011 alle 22:47

    martina :
    Vorrei sapere se nel caso trovassi lavoro da sola e senza essere iscritta nelle categorie protette ma avendo appunto un’invalidità del 55%, l’azienda che mi assume può assumermi come invalida oppure devo comunque iscrivermi al centro per l’impiego come appartenente alle categorie protette?

    L’azienda può considerarti invalida (cioè chiedere quella che tecnicamente si chiama “autorizzazione al computo”) se superi il 60%, altrimenti occorre l’iscrizione come categoria protetta. Se ti sei trovata il lavoro da sola puoi far presente questa possibilità (essere assunta ai sensi della legge 68/99) perchè chi ti assume potrebbe anche essere interessato a coprire la quota obbligatoria di invalidi (La legge prevede obblighi progressivi per chi supera i 15 dipendenti)
    Io lavoro all’Ufficio Personale di una grande azienda e mi occupo, tra tante altre cose, anche in particolare di L 68/99. Se non ti basta quello che trovi in rete o vuoi altri chiarimenti posso provare a spiegarti più dettagliatamente se mi scrivi a.rive@alice.it

  119. Samuel
    3 aprile 2011 alle 10:32

    Ciao a tutti, sono Samuel ho 33 anni e sono affetto da diabete mellito tipo 1 da quando avevo 10 anni. Lavoro come operaio da diversi anni nella stessa azienda e finalmente mi sono deciso a fare richiesta per essere riassunto dalla stessa come invalido civile. Ho parlato con il dottore aziendale che mi ha dato l’ok per avviare le procedure. Il problema e’ che l’ultima visita per l’invalidita’ risale al 1995 dove mi e’ stato riconosciuto il 50%. Il dott. mi ha detto che e’ gia’ sufficente per essere assunto come invalido ma mi ha comunque consigliato di rivolgermi a un patronato per rifare la richiesta della visita perche’ secondo lui potrebbero darmi una percentuale piu’ alta. Ora io sono diabetico da 24 anni, il profilo glicemico e’ molto scompensato con molte ipo e relativi rimbalzi, faccio 3 iniezioni al giorno e ho una glicata che da diversi anni si e’ stabilizzata intorno al 7,5 ma fortunatamente non ho ancora altre complicanze relative al diabete. La mia paura, dopo aver letto alcune testimonianze in questo forum e’ che mi tolgano anche quel 50% d’invalidita’ che ho attualmente. Voi cosa ne pensate? sono della provincia di monza, voi sapete se c’e’ in zona un patronato un po’ piu’ specializzato che possa seguire queste pratiche d’invalidita’? grazie!

  120. Ilaria
    4 aprile 2011 alle 18:43

    Ciao Samuel. Non so se possono toglierti il 50% che ti diedero nel 95, ma io non rischierei. Oltretutto, dato che dici che non hai complicanze, direi che più del 50% non te lo darebbero. Pensa che a me hanno dato il 46% e il mio diabetologo (a Torino) mi ha chiesto come ho fatto!!!!! (Sono diabetica dal 1982, da qualche anno ho quasi sempre microaneurismi e microemorragie agli occhi – talvolta si riassorbono – e la pressione sanguigna lievemente alta).
    Ma poi, dopotutto, se anche ti dessero il 60 o il 65 cosa ti cambierebbe? Credo niente, no? Ulteriori agevolazioni mi pare ci siano se superi il 67%, ma non credo sia il tuo caso.
    In bocca al lupo! ciao

  121. Ari
    15 aprile 2011 alle 20:29

    Salve a tutti, sono mamma di un bambino di 4 anni, che ha avuto già da due anni l’esordio del diabete mellito di tipo 1. Adesso percepisce una pensione di accompagnamento mensile nel periodo scolastico, ma mi chiedevo se sarà sempre considerato invalido al 100 per cento, o la percentuale varia a seconda dell’età e del controllo metabolico? Se qualcuno può rispondermi, ve ne sarei grata.
    Ari

  122. andrea
    17 aprile 2011 alle 11:17

    Ciao ARI. Non so come si sono comportati nel tuo caso. Per mia figlia il riconoscimento è stato “MINORE CON DIFFICOLTÀ PERSISTENTI A SVOLGERE I COMPITI E LE FUNZIONI DELLA SUA ETA’ … ” che non vuole dire 100%, ma solo che (per ora) non è autosufficiente, tanto che hanno già fissato la rivedibilità esattamente quando compirà 14 anni. La percentuale riconosciuta, come puoi leggere anche sopra, dipende anche dalla commissione e da altre malattie/complicanze che eventualmente si aggiungono al diabete, ma il 100% viene riconosciuto solo in casi veramente gravi(mi riferisco x es. a tumore al seno operato con asportazione totale ed in ulteriore trattamento con radio e chemioterapia) a.rive@alice.it

  123. Fabio
    26 aprile 2011 alle 10:52

    Salve ho 34 anni e sono affetto da diabete millito di tipo 2 volevo sapere come fare per avere linvalidita, il tesserino parcheggio disabili e tutto ciò che si può avere dallo stato e soprattutto a chi devo rivolgermi?! Grazie aspetto vostre risposte buona giornata

  124. 26 aprile 2011 alle 17:26

    Ciao Fabio
    credo solo il fatto avere diabete mellito tipo 2…nn ti dia molte chanche per nulla di cio’ che chiedi.
    Sperando che nn hai complicanze dovute al diabete.In tal caso se hai problemi ad occhi?? reni??? articolazioni.
    Non so se sei insulinodipendente!!!
    Mi auguro non hai nessuna complicazione .
    Ma solo sei haicomplicanze fai domande…se no perdi tempo.
    ciao

  125. Elena
    4 maggio 2011 alle 18:37

    Salve, al momento sono a casa in maternità ma oggimi hanno telefonato dal lavoro perchè vorrebbero che mi iscrivessi alle liste di invalità così assolverebbero all’obbligo di legge. Prima però di andare a parlare vorrei informarmi un po’ sulla faccenda in quanto non me ne sono mai preoccupata, in quanto il mio diabere di tipo 1 è abbastanza compensato.
    Ho 33 anni e lavoro là da 8 anni. Cosa mi comporterebbe iscrivermi alle liste? Avrei dei vantaggi o sarebbero solo a favore del mio datore?
    Oltre sul lavoro ci potrebbero essere ripercussioni su altri ambiti non lavorativi (tipo patente)? Grazie

  126. andrea
    5 maggio 2011 alle 00:35

    Ciao Elena, lavoro in uff. Personale di una grande azienda e ti posso dire che:
    - se, come immagino, sei a tempo INdeterminato serve una invalidità >60% e, specialmente non avendo per tua fortuna complicazioni, se non c’è altra patologia mi sembra molto difficile. Altrimenti ( ma valuta MOLTO bene il rischio se dovessero proportelo!!) c’è la possibilità, con un più “ragionevole” 46% o più, di iscriverti da “disoccupata” alle liste speciali e farti riassumere ai sensi della legge 68/99. Per il tuo datore di lavoro è un obbligo che viene sanzionato anche molto pesantemente, per te il vantaggio sarebbe di una maggiore tutela contro trasferimenti, orari scomodi ecc. (ma non è che sia una grandissima difesa…) ed eventuali altre che qualunque (o quasi) associazione/patronato potrebbe spiegarti.
    Per quanto riguarda altri ambiti, non crea alcun problema, ma la tua domanda sulla patente mi ha messo una pulce nell’orecchio: per caso hai la patente “normale” e non hai dichiarato che sei diabetica? Ti risparmio commenti sulle vessazioni per i rinnovi (come associazioni diabetici si sta cercando di ottenere una spesa “una tantum” ogni 5 anni per tutti i rinnovi, fossero anche annuali…) ma ti avviso che, se così fosse, corri il GROSSISSIMO rischio di vederti rifiutare la copertura assicurativa in caso di incidente, persino nel caso avessi ragione! Comunque, se vuoi, puoi scrivermi qui a.rive@alice.it

  127. Maria
    6 maggio 2011 alle 15:18

    Sono mamma di due bimbi insulino dipendenti, uno di 7 anni diabetico da 2anni e l’altra di 2 anni all’esordio. Dove devo rivolgermi per richiedere quello che spetta ai miei bambini?

  128. andrea
    6 maggio 2011 alle 17:23

    Il primo passo è il riconoscimento dell’invalidità: dall’anno scorso la richiesta si fa solo on-line sul sito INPS (dove trovi le informazioni relative), puoi anche rivolgerti ad un CAAF (quelli del 730) se non vuoi accreditarti e fare da sola. Serve anche il certificato di un medico registrato (di solito si fanno pagare: ho sentito di cifre anche sopra i 100€!!!) che ti darà un “numero di codice” da inserire nella domanda. Poi, i tempi non sono brevi, verrai convocata per la visita e, sino ai 14 anni solitamente viene anche riconosciuto lo stato di “MINORE CON DIFFICOLTÀ PERSISTENTI A SVOLGERE I COMPITI E LE FUNZIONI DELLA SUA ETA’ ” che ti da diritto ai permessi lavorativi secondo la Legge 104 (3 giorni al mese da usufruire anche a ore). Dopo la visita ti invieranno il certificato a casa. La nuova procedura ha allungato notevolmente i tempi tra visita e arrivo del certificato (anche 8 mesi ed oltre!!!), ma ho scoperto che le Asl possono rilasciare un certificato provvisorio (da richiedere dopo un paio di settimane dalla vista) sulla base del quale l’INPS autorizza, sempre in via provvisoria, i benefici della Legge 104. a.rive@alice.it

  129. 12 maggio 2011 alle 16:12

    ciao, sn un padre disperato…… ho mia figlia di soli 6 anni affetta dal diabete mellito tipo 1…. vorrei informazioni cn gente che ha gia passato questa esperienza…. …. contattatemi alla mia email “nik95m2o@live.it”

  130. Lela
    1 luglio 2011 alle 13:01

    Salve ragazzi,ho 28 anni e da 5 sono insulinodipendente..quest’anno ho fatto la domanda x la prima volta e dopo SOLI 10 mesi sono stata chiamata per la visita di riconoscimento di invalidità e sto per andare a farla.. E’ stato molto utile passare di qui e leggere i vostri numerosi consigli.. A presto!

  131. Mario
    1 luglio 2011 alle 21:25

    Ciao, sono Mario
    Stamattina ho fatto il test del Glucosio curva di carico con 3 determinazioni, e i risultati sono scoraggianti (110 a dgiuno, 333 dopo 60 minuti dal carico, 204 dopo 120 minuti)
    Il mio medico curante ha quindi detto che sono diabetico, e per questo sto prenotando una visita al centro diabetologico.
    due anni fa mi è stata tolta la tiroide per un carcinoma papillare, e a seguito della tiroidectomia, subivo l’accidentale asportazione delle paratiroidi, quindi sono anche ipocalcemico. inoltre soffro anche di ipertensione.
    Dopo la tiroidectomia (per il tumore, per la tiroide, per il caclio e per la pressione) mi è stato riconosciuto l’ 80% di invalidità e la 104, art. 3 comma 3
    a dicembre anno scorso ho fatto la visita di rinnovo della 104
    due settimane fa mi è arrivato il verbale (solo 6 mesi…. no comment ;) )
    mi hanno lasciato la 104, ma tolto il comma 3 (quindi ora ho l’art.3 comma 1)
    ovviamente c’è scritto che posso fare ricorso entro 6 mesi

    Visto la scoperta (stamattina) di questa nuova patologia era mia intenzione chiedere un aggravamento per l’ invalidità, in modo che al mio 80% aggiungano anche il diabete, e poi fare ricorso per farmi ridare l’ art. 3 comma 3

    Credo che prima di tutto ne parlerò anche con il diabetologo quando andrò a fare la prima visita, perchè penso che servirà comunque una loro relazione….

    consigli ?

    Grazie

  132. andrea
    1 luglio 2011 alle 23:49

    Giusto chiedere l’aggravamento per l’invalidità (una volta che il centro diabetologico ti abbia rilasciato una relazione dettagliata), ma il comma 3 dell’art3 legge 104 si riferisce all’autonomia personale ed alla necessità di assistenza quindi non è necessariamente legato alla maggiore o minore invalidità. Ricordati comunque, nella richiesta di aggravamento, di specificare anche la legge 104. Auguri :)
    andrea

  133. Mario
    2 luglio 2011 alle 12:24

    Certo che non è legato alla percentuale di invalidità, ma come ho detto prima, devo fare ogni mese/due mesi dei prelievi di controllo per il calcio
    poi mettici i controlli per gli esiti del K Tiroide, e ora questo (il diabete)
    mi sto mangiando un sacco di giorni di ferie.
    Certo, che se penso che fino a due anni fa non avevo niente…. sapeste come è cambiata la mia vita in questi due anni…. :(

  134. andrea
    3 luglio 2011 alle 22:45

    Scusami Mario, non volevo scoraggiarti. Ti auguro di veder riconosciuto quello che ti spetterebbe secondo un minimo di logica. Avendo a che fare con molte situazioni critiche (ho già detto che lavoro all’uff. Personale) so che purtroppo spesso non è la logica che guida chi prende queste decisioni…In bocca al lupo e fai sapere come è andata.

  135. andrea
    3 luglio 2011 alle 23:02

    Dimenticavo di aggiungere, a mo’ di esempio, che usufruisco di 104 per mia figlia diabetica T1. Per ora la validità scade il giorno che compirà 14 anni…, poi si vedrà (e so che quasi mai la prolungano) come se a quell’età fosse completamente autonoma…
    (riguardo a com’è cambiata la tua vita non posso/voglio fare commenti, ma chiunque è qui non solo per curiosità almeno una “pallida idea” se la può certamente fare)
    Un abbraccio

  136. Mario
    11 luglio 2011 alle 15:24

    sono appena uscito dalla 1° visita
    lo specialista mi ha detto che ho il diabete di tipo 2 (DBT2)
    mi ha dato una dieta da seguire, e pastiglie da prendere dopo un mese di dieta, se la glicemia fosse sempre alta (Metfonorm 1000)
    ha steso una relazione per il mio medi courante
    quando gli ho chiesto che mi servivano 2 relazioni rispettivamente per la domanda di aggravamento dell’ invalidità e per il lavoro (sul lavoro, a partire dal 5 evento annuale di malattia, le giornate non saranno retribuite a meno che non facciano aprte dei seguenti casi: ricovero ospedaliero, day hospital, emodialisi, evento di malattia con prognosi iniziale non inferiore ai 12 giorni, sclerosi multipla o progressiva, oppure patologie gravi e continuative che comportino terapie salvavita documentate da specialisti del servizio sanitario nazionale) mi ha risposto che 1) il diabete non da diritto a invalidità (gli ho spiegato che ho già l’ 80%, ma lui insiste che non essendo insulino dipendente non è una malattia che comporta invalidità. 2) per il lavoro non mi può fare nessun certificato, al limite al lavoro posso consegnare la relazione che ha stilato per il mio medico curante (a lui indirizzata)

    scusate lo sfogo.
    ma già sono un po’ depresso, ore pure demoralizzato.

    Cercerò di andare a fare una visita al centro Diabetologico principale della mia città, anzichè questo S.C. di diabetologia-endocrinologia-malattie metabolichè.

  137. Ilaria
    12 luglio 2011 alle 21:31

    Ciao Mario. Quello che mi sento di dirti è che, come vedi dalla tabella più o meno a inizio di questa pagina, il diabete di tipo 2 DA’ invalidità ma solo in presenza di complicanze di media gravità, cosa che direi probabilmente, essendo diventato diabetico, non è il tuo caso. La seconda cosa è che il diabetologo avrebbe dovuto sicuramente farti la giustificazione per il lavoro per le ore che hai passato al centro antidiabetico, ma solo questo. Oltretutto, al datore di lavoro, anche ma non solo in caso di invalidità civile, non sei neanche tenuto a dire da quali malattie sei affetto! Questo è per legge, ma so che quasi tutti te lo chiedono già al colloquio… Con la giustificazione, CHE TI DEVE FARE QUALSIASI MEDICO SU TUA RICHIESTA, sono coperte le ore di presenza alla struttura (anche mentre sei in attesa), e tante volte il datore di lavoro aggiunge una mezzora per raggiungere la struttura e un’altra mezzora per tornare in azienda a lavorare. In tanti anni di diabete non mi è mai capitato di rimanere assente tutta una giornata per semplice visita o per esami (a parte il day hospital, ma tu già dici che è compreso nei giorni retribuiti), quindi la cosa dovrebbe sistemarsi così. Il 5° evento di malattia all’anno è sicuramente inteso come giornata intera di assenza, tipo “mutua”.
    Se ti fa sentire più tranquillo, comunque, nulla ti vieta di provare ad andare in un altro centro e vedere se il medico ti dà più fiducia, che è una cosa importantissima nella gestione della nostra particolare condizione di salute.

    Forza, vedrai che si sistema tutto!!! :) Ciao ciao

  138. Thomas
    22 luglio 2011 alle 17:44

    Ciao a tutti e i miei complimenti a chi ha creato questo posto dove potersi confrontare sul “problema” diabete…e l’ho messo tra virgolette perche spesso viene vissuto come problema piu da chi non ha questa patologia che da chi, come me, ci deve convivere.
    Vorrei gentilmente chiedere quali sono i benefici intesi come permessi/ferie ed altro che spettano a un dipendente di un’azienda privata inquadrato con regolare CCNL ed assunto come Categoria Protetta.

  139. maxressora
    2 settembre 2011 alle 14:29

    Salve! Pur essendo un “vecchio” diabetico insulinodipendente dal 1989, sono nuovo del forum, avendolo scoperto solo oggi.
    Vorrei qualche informazione da chi ne sa certamente più di me.
    Fino ad oggi non ho mai avuto grossi problemi a gestire diabete e lavoro, ma ora a seguito di complicanze diventa tutto più difficile.
    Vorrei fare, cosa che non ho mai tentatato, la domanda per l’invalidità, ma vorrei sapere se è più un beneficio od un danno.
    Porta problemi per il rinnovo patente?
    Preclude più posti di lavoro di quanti se ne aprono con la categoria protetta?
    Grazie e a presto. Max

  140. Ilaria
    2 settembre 2011 alle 18:43

    Ciao maxressora e ciao a tutti. Io ti rispondo solo per la parte sulla quale sono aggiornata: da quando sono iscritta alle liste protette ho fatto qualche colloquio (prima NIENTE per tanti e tanti mesi!) e ho trovato due aziende che volevano assumermi: ho scelto un full time e ora, dopo qualche mese, ho un CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO!!!!!!! (Così aggiorno gli utenti del forum che mi conoscono già da un po’…). :)))
    Certo dipende anche da che tipo di risorsa professionale sei. Io avevo già diverse esperienze di lavoro e un titolo di studio medio-alto. Ma comunque TUTTI I TIPI DI AZIENDA, QUALSIASI SIA LA LORO ATTIVITà, devono sottostare agli obblighi di legge = TOT categorie protette ogni TOT dipendenti totali. E il lavoro che ti offrono DEVE essere piuttosto adatto al tipo di vita che la tua “condizione” di diabetico ti fa fare.
    Per quanto riguarda la patente, non so, lo scoprirò l’anno prossimo…! Ma non so mica se potranno crearci più “ostacoli” di quelli che già ci creano semplicemente leggendo le nostre GLICATE! :D

    Ciao ciao!

  141. 3 settembre 2011 alle 13:35

    Ciao Ilaria, e complimentoni!! Sono contento che ti sia andata bene, con posto fisso poi! :)

    Per maxressore: patente ed invalidità sono due cose separate. L’unica cosa che potrebbe accadere è che, se non hai dichiarato diabete in sede di rinnovo patente e poi ti dichiari diabetico per la 104 o la legge 68, con dei controlli incrociati protrebbero beccarti. Visto come funziona la sanità oggigiorno, ne dubito. Ti posso assicurare che anche se vai a rinnovare la patente in commissione medica, è una pura formalità. Hanno solo bisogno del certificato del diabetologo che si fa per il rinnovo.. l’unico problema è con le leggi attuali il rinnovo è fino a 5 anni.
    Purtroppo non ho tempo di aggiornare il blog, ma su internet trovi un sacco di info a riguardo.

    Se sei nelle categorie protette, decidi tu se farlo presente in sede di concorso o colloquio professionale. quindi è una possibilità in più.
    Considera però che se provi ad entrare in un concorso in cui ci sono restrizioni sulle condizioni psicofisiche (tipo forze di polizia, forze armate, vigili del fuoco e credo anche vigili urbani) potresti avere problemi (categorie protetta o no), perchè devi passare la visita medica.

  142. 3 settembre 2011 alle 13:42

    Ciao Thomas,
    non so se il CCNL prevede dei permessi specifici per chi è nelle categorie protette, i benefici della 104 sui permessi li puoi trovare al link:

    http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=4401&c=4402

    C’è da dire però che per un diabetico è abbastanza difficile riuscire ad ottenere la 104…

  143. Carmine
    4 settembre 2011 alle 12:03

    Salve a tutti! ho il diabete mellito di tipo 2 con complicanze agli arti ossia una neuropatia diabetica..vorrei sapere se posso avere un supporto economico tipo una pensione di invalidita’ per il mio problema e se si a chi devo rivolgermi e cosa fare ? Grazie in anticipo a tutti coloro ke mi daranno una valida risposta.

  144. Ilaria
    4 settembre 2011 alle 13:16

    Per i concorsi nelle forze armate (anche solo vigili urbani), in linea di massima nel bando del concorso c’è scritto che chi ha problemi, fra le varie cose, all’apparato endocrino (e quindi anche il pancreas) NON è idoneo al tipo di lavoro in oggetto al concorso. Partecipare implica dichiarare il falso in materia di requisiti, come fare un concorso per laureati avendo invece un diploma! Bisogna leggere comunque il bando volta per volta, non di sa mai! :)

    Eh sì Tamtam! Devo proprio ringraziare il Signore anche perché il posto fisso mi è stato anticipato di parecchi mesi! Non ci posso ancora credereeeeeeeeeeeee!!!!

    Bye-bye

  145. andrea
    8 settembre 2011 alle 14:09

    Ciao tamtam, è un vero piacere rileggerti (a quando qualche nuovo articolo? :)

    Per la patente, è vero che il rischio dei controlli incrociati di cui parli è bassissimo, ma a parte la falsa dichiarazione, è MOLTO alto il rischio che venga fuori nel momento peggiore e cioè in caso di incidente: se l’assicurazione scopre ( e può riuscici senza troppe difficoltà) che non risulti diabetico per la guida, sicuramente non paga se hai torto, ma potrebbe non pagare anche se hai ragione invocando l’irregolarità!! E’ pesante il rinnovo ravvicinato, un’amica è riuscita a “strappare” 3 anni dopo accanita discussione con un medico che voleva dargli solo 1 anno in presenza di dati da “sano”! C’è una proposta per far valere almeno 5 anni il pagamento del rinnovo patente a prescindere del numero di rinnovi, ma di ‘sti tempi.. Comunque il rischio è quello di doversi pagare tutto in caso d’incidente…
    Auguri a Ilaria per il nuovo lavoro

  146. Ilaria
    8 settembre 2011 alle 19:04

    GRAZIE!!!!! :) :) .)

  147. Silvia
    14 settembre 2011 alle 15:49

    Ciao a tutti, mi chiamo Silvia, è la prima volta che scrivo.. volevo raccontarvi la mia esperienza e se qualcuno di voi ha qualche consiglio da darmi benvenga!
    Sono diabetica dall’età di 5 anni, melitto tipo 1 insulino dipendente, 4 punture al giorno.
    A novembre 2010 ho presentato la mia domanda di invalidità presso inps tramite il mio medico curante, pochi giorni dopo sono andata alla INAS, uno dei patronati che mi ha consigliato il medico per fare la domanda di appoggio. Mi era stato spiegato che hanno tempo 3 mesi lavorativi per mandare a casa la lettera di convocazione per la visita della commissione medica. Verso la fine del mese di marzo, mi sono chiesta se la mia domanda fosse stata presa in carico,alchè ho iniziato a chiamare a destra e sinistra non ottenendo nessuna risposta. Poi su internet ho trovato il numero di telefono di un ente (mi sembrava fosse un patronato anche quello) dove una signora molto gentile mi ha spiegato che se non mi fosse arrivata la lettera entro un ulteriore mese loro mi avrebbero aiutata a far pressione. Chiamando poi il numero verde dell’inps 803 164, dopo svariati tentativi e dopo aver parlato con minimo 5 persone diverse una ragazza mi ha controllato sul loro database e mi ha comunicato che ero stata convocata una settimana prima della mia telefonata…
    La beffa è che a me non è arrivata alcuna comunicazione ne telefonata, ne lettera, ne niente.
    Al che le ho chiesto di fissarmi un altro appuntamento.
    Poco più di un mese dopo mi arriva la lettera di convocazione.
    Il 28 marzo sono andata a fare la visita.
    Mi hanno fatto queste domande:
    - Ci vede con gli occhiali?
    - è in grado di usare un pc?
    - può lavorare all’aperto o interfacciarsi con altre persone?
    - è ingrado di lavorare la notte?

    La visita in poco più di 5 minuti era finita.. Non mi hanno chiesto come fosse il mio stato di malattia o che problemi avessi mai avuto..

    Dal dottore sulla domanda avevo fatto annotare che soffro fortemente di allergia ai pollini e che stare all’aperto è un serio problema nel periodo primaverile, che ho una leggera aritmia ventricolare destra (l’elettrocardiogramma è risultato anormale) e sono anemica.
    Ho anche una piccola microangiopatia su un polpaccio.

    Nessuno ha voluto saperne nulla..
    ho aspettato fino a pochi giorni fa per poter avere l’esito e mi hanno riconosciuto un invalidità del 34%… ci sono voluti 6 mesi

    Credo che con 16 anni di malattia, con la glicata non ancora stabile e i problemi di cui sopra me lo posso meritare un 46%..
    ora dopo un mese che rompo le scato all’ospedale in cui ho fatto la visita ho ottenuto un colloquio con il dottore che ha emesso la sentenza. L’avrei avuta stamattina, peccato che il dottore non si è nemmeno presentato.. ho perso ore lavorative e fatto 60 km x nulla..
    Forse mi concederà colloquio lunedì..
    io attualmete sto lavorando per una ditta molto disponibile che mi ha chiamato a lavorare nonostante sapessero che non avevo ancora completato le mie pratiche. ora sto aspettando di vedere cosa riesco a concludere, ma se entro il 24 dicembre non ottengo la disabilità perdo il posto..

    Chiedo a chiunque un consiglio..
    Grazie per la pazienza di aver letto tutto..

  148. Ilaria
    14 settembre 2011 alle 18:04

    Ciao Silvia
    quello che mi sento di consigliarti è, tramite un patronato, di vedere se fai in tempo per un ricorso (credo di sì). Non so come funzioni la cosa di lì in poi, ma penso che ti faranno fare un’altra visita e questa volta fatti trovare con le scartoffie più recenti in mano, non aspettare che te le chiedano, ed ELENCAGLIELE mentre gliele porgi da visionare. Cita le ultime glicate (se sono brutte) ed eventuali complicanze del diabete, anche minime. Alla fine (in quanto probabilmente il punto più invalidante è il diabete, rispetto alle altre cose) elenca anche gli altri “acciacchi”.
    sia il diabete che le altre cose te le deve elencare anche il medico curante e poi ti serve le relazione del diabetologo dove lui sottolineerà i punti “negativi” del tuo diabete.
    Infine… non resta che PREGARE!

    In bocca al lupo! Un abbraccio

  149. emilia
    2 ottobre 2011 alle 20:07

    ciao mi chiamo emilia sono diabetica da 20 anni ed ho 40 anni solo 2 anni fa scoprono esattamente la definizione esatta del mio diabete: DIABETE MODY3 con mutazione genetica ad oggi sconosciuta nella letteratura mondiale: Le mie analisi genetiche sono arrivate fino a boston ma ad oggi ancora combatto con circa 280 unità di insulina giornalire……ma cosa dire mi hanno riconosciuto il 60% di invalidità circa 8 anni fa….oggi sto cercando di fare l’aggravamento ma non vedo via di uscita….Addirittura mi sono recata dove rilasciano il cartellino per il parcheggio invalidi e mi sono sentita rispodere che non avevo il diritto di averlo perchè deambulavo e che nessuna legge prevede il cartellino per i diabetici…… ma……………..secondo voi cosa dovrei fare…..grazie

  150. andrea
    2 ottobre 2011 alle 22:51

    Le agevolazioni “automobilistiche” (cartellino x parcheggio/corsie riservate, esenzione bollo ecc.) non sono legate all’invalidita’ in se, ma dipendono dalla disabilità motoria, quindi se nel certificato di invalidità non c’è specificamente espresso il deficit motorio puoi avere anche il 100% ma queste agevolazioni non ti spettano

  151. salvo
    6 ottobre 2011 alle 17:20

    ciao io ho il diabete da 2 anni con glicosata che è del 12.20% e faccio l’insulina 4 volte al giorno in piu ho hcv genotipo 1 che los to a curare con un farmaco chemieterapeutico che si chiama ribavirina e in piu faccio punture di interferone (non lo auguro a nessuno quello che sto a passare con questa terapia,sempre febbre dolori vomito nausea etc etc) ho preso un’anno di malattia essendo la terapia salvavita non mi vengono cummutate le giornate di malattia quindi per legge docrei prendere il 100 dello stipendo(se lo vogliamo chiamare stipendo visto che sono partime e precario) la mia domanda e questa con le due malattie che percentuale potrei avere? e mi tocca la 104? grazie ancora ciao da salvo

  152. 6 ottobre 2011 alle 20:36

    Ciao Salvo,
    non sono un medico legale, prendi le mie considerazioni con le molle.
    Il diabete tipo1 scompensato ti dà diritto ad una percentuale tra 51% e 60%, in base alla tabella ministeriale che trovi anche nell’articolo. Non mi risulta che ci siano tabelle simili anche per hcv, ma sicuramente rappresenta un’aggravamento alla tua condizione, e la percentuale potrebbe essere maggiore.

    Cercando su internet, ho trovato che se riesci a dimostrare che hai contratto l’epatite attraverso trasfusioni (deve essere indicato nella cartella clinica), puoi chiedere un indennizzo mediante la legge 210/92. http://www.dannidasangue.it/2-legge_indennizzo_210_92.htm
    Prova a chiedere maggiori informazioni ad un patronato del lavoro.

  153. andrea
    7 ottobre 2011 alle 08:30

    Sicuramente è molto importante la documentazione presentata alla commissione, l’assistenza di un patronato può essere molto utile.
    Per quanto riguarda la 104:
    -è da richiedere assieme all’invalidità (altrimenti la commissione si esprime solo su quest’ultima e devi riavviare tutta la procedura)
    -è legata all’handicap (cioè alla perdita di autonomia) e non alla percentuale d’invalidità (possono anche riconoscerti il 100% di invalidità, ma se non ti “assegnano” il comma 3 per la Legge 104 non hai diritto a particolari agevolazioni)

  154. salvo
    7 ottobre 2011 alle 10:35

    grazie andrea grazie tamtam l’hcv l’ho presa 20 anni fa forse dentista forse ospedale nn lo so ma anche se vorrei fare causa ormai sn scaduti i termini cmq grazie per la risposta :)

  155. salvatore
    20 ottobre 2011 alle 12:07

    Ari :
    Salve a tutti, sono mamma di un bambino di 4 anni, che ha avuto già da due anni l’esordio del diabete mellito di tipo 1. Adesso percepisce una pensione di accompagnamento mensile nel periodo scolastico, ma mi chiedevo se sarà sempre considerato invalido al 100 per cento, o la percentuale varia a seconda dell’età e del controllo metabolico? Se qualcuno può rispondermi, ve ne sarei grata.
    Ari

  156. salvatore
    20 ottobre 2011 alle 12:15

    salve sono il papà di un ragazzo ormai ventiduenne, insulino dipendente da almeno docici, l’assegno di frequenza quello scolastico ti viene tolto alla maggiore età del ragazzo, e non solo quello anche l’assegno maggiorato di famiglia sai quello sulla busta paga,insomma al momento che ti servirebbe un aiuto ti tolgono tutto
    , parliamo della legge 68/99 mio figlio è iscritto alla categoria protetta da almeno quattro anni, e non ha mai avuto una richiesta lavorativa.

  157. Ilaria
    22 ottobre 2011 alle 14:33

    Ciao Ari. L’invalidità NON sarà al 100%. Mi sembra che la cosa funzioni così: dopo i 18 anni può diventare ZERO, in caso non si faccia domanda esplicita per l’invalidità civile, oppure avere una certa percentuale, che deciderà la commissione medica dell’ASL (ma “solo” col diabete il 100% no!!! Spesso non si arriva neanche al 46%, che è il minimo per avere diritto all’iscrizione alle liste di collocamento “mirato”).

    Ciao Salvatore. Io consiglierei a tuo figlio di cercare attivamente lavoro come membro di categoria protetta in questi modi:
    1) andando al Centro Circoscrizionale per l’impiego, dove ci sono annunci ed eventualmente parlando anche con l’apposita impiegata che queste categorie;
    2) rispondendo, possibilmente il giorno stesso della pubblicazione, agli annunci “mirati” sui siti specializzati in annunci di lavoro (meglio se compila la scheda e si fa arrivare via e-mail giorni per giorno i nuovi annunci in base alle sue competenze scolastiche ecc.);
    3) mandando il CV alle aziende dei settori di suo interesse, specificando subito dopo i suoi dati anagrafici che è iscritto alle cat. protette;
    4) andando nelle agenzie interinali, quante più possibili, con un CV aggiornato e dicendo che è iscritto alle liste protette.

  158. salvatore
    22 ottobre 2011 alle 18:36

    grazie dei consigli ma tutto ciò è stato già fatto, l’unico problema è che abitiamo in una regione la campania (caserta) che per i giovani non offre niente, quando mio figlio a nove anni divenne insulinodipendente l’unica cosa che mi dava coraggio per il suo futuro era la possibilità poter avere la certezza di un posto di lavoro con più facilità, vi assicuro che segue il centro per l’impiego in modo assiduo, manda il cv alle agenzie interinali con cadenza settimanale ma risposte nessuna,addirittura ha lavorato per circa nove mesi con contratto a tempo indeterminato, presso una coperativa di guardie giurate la quale lo assunse facendo richesta nominativa al centro per il collocamento al lavoro di caserta, morale della favola non ha mai percepito uno stipendio, poi si è licenziato per giusta causa,ed a oggi non ha ancora preso una lira, si è riscritto alla lista speciale ma di lavoro niente. Il problema di questi giovani diabetici è che non possono concorrere neanche come vfp1 nelle forze armate per cui gli viene precluso tutto il mondo lavorativo militari, polizia, finanza ecc. ecc. è questo viene chiamata pari opportunità. scusate ma sono solo un padre che sta cercando per il figlio una serenità lavorativa

  159. Ilaria
    23 ottobre 2011 alle 14:26

    Sì Salvatore, so benissimo che non è facile, e sicuramente per un diabetico NON è PIU’ facile… Allora, nell’attesa, potrebbe forse cercare un corso gratuito di formazione professionale (quelli finanziati da regione, provincia…), possibilmente con stage finale. E/oppure corsi anche più brevi e senza stage, e un corso di inglese. Partendo dal presupposto che molti cercano lavoro, ovviamente le aziende preferiranno assumere chi è più aggiornato e comunque chi dimostra di essere una persona attiva. Io mi sono mossa così per anni. AH! Ovviamente, parallelamente deve anche cercare lavoro al di fuori dalle categorie protette (e in questo consiglierei invece di NON DIRE che è diabetico, almeno finché l’azienda non inizia a conoscerlo e ad apprezzarlo come risorsa professionale).
    Io mi sono mossa così per ANNI, e finalmente, ringraziando Dio, mi sono recentemente sistemata con contratto fisso.
    Un’ultima cosa: non pensare nemmeno però che sia più DIFFICILE trovare lavoro per il fatto che si è diabetici… Mio marito (35 anni) è sanissimo e bravissimo a fare tante cose, ma è un anno e mezzo che cerca, inutilmente, un lavoro da dipendente!
    Vedrai che si risolverà tutto per tutti e due :)
    In bocca al lupo e… Dio ci benedica tuttiiiiiiii!!!!! :)

  160. salvatore
    23 ottobre 2011 alle 17:05

    grazie ilaria sei gentilissima e mi fa piacere scambiare delle opinioni con te, sai avere un bambino con dei problemi ti fa sentire male ed io e mia moglie abbiamo sofferto tanto per questo bambino,ma poi ci siamo resi conto che per seguire lui abbiamo involontariamente tralasciato un po il secondo ormai diciassettenne, ma ormai le cose si sono messe tutte al posto giusto, l’unica cosa è la gestione del lavoro cosa spero che col tempo arriverà grazie dei consigli ed un augurio per te e tuo marito che possiate realizzare i vostri sogni.

  161. Ilaria
    24 ottobre 2011 alle 19:47

    Ricambio l’augurio! Grazie!
    Se posso aggiungere una cosa… Io NON sono genitore, quindi posso solo “testimoniare” come ex “giovane diabetica” (all’esordio avevo 8 anni). Da quel che ricordo, sono stati i miei genitori quelli a stare peggio, davvero! E’ una cosa con cui noi, magari anche già da piccoli, impariamo a convivere. Sì, è un po’ una scocciatura ma non è che si stia poi proprio malissimo… ma i genitori per parecchio tempo non si danno pace! Non è colpa di nessuno, e se si impara a gestirsi la vita può essere più o meno uguale a quella di tutti gli altri :) GUARDIAMO IL BICCHIERE MEZZO PIENO!!!!!! :) :) :) Dai che ce la facciamoooooooooooo!!!!!!!

    E’ stato un piacere conoscerti! Tienici aggiornati!

  162. salvatore
    25 ottobre 2011 alle 08:41

    grazie sei gentilissima.

  163. luigi b.
    11 novembre 2011 alle 00:15

    ma chi soffre di diabete puo avere la 104/92

    grazie

  164. salvo
    17 novembre 2011 alle 09:52

    non credo luigi.. io ho passato commissione per diabete insulinico e hcv genotipo1 in terapia con interferone e ribavirina che e un farmaco chemioterapeutico.. ma nnme l’hanno data la 104 cioe mi hanno dato solo il comma 1 che nn serve a nulla e solo carta straccia!! ma poi sai non tutte le commissioni la pensano allo stesso modo ..te presentala possibbilmente te la danno
    ciao

  165. alessandra
    19 novembre 2011 alle 14:19

    ciao a tutti, sono nuova qui… sapete indicarmi un link per gli effettivi vantaggi del comma 1? quali possibilità ci sono con un’invalidità al 70% di vedersi riconosciuto anche il comma 3?
    mi sembra di capire che la % di invalidità sia scollegata al comma 3 che si basa su handicap motori/visivi etc… o non c’ho capito niente?
    grazie,
    Ale

  166. andrea
    19 novembre 2011 alle 16:59

    Hai capito bene, direi.
    Qui

    http://www.handylex.org/schede/benefici/index.shtml

    puoi trovare una spiegazione dettagliata delle diverse voci del verbale e dei benefici collegati.
    Per quanto riguarda il riconoscimento di handicap (Legge 104/1992) questo è sicuramente scollegato dalla percentuale di invalidità (che riguarda questioni “mediche”) ma dipende dalla maggiore/minore autonomia e/o autosufficienza.

  167. luigi
    5 dicembre 2011 alle 23:32

    avento gia un 55/: ed ora riscrontanto l’iperntensione e in piu diabete mellito uno si spuo fare accumulo del 55/: in piu questo aggravarsi mi daranno il 75 asi puo avere la 104/92 punto 3 quella non gravissima

    grazie luigi da nola

  168. davide
    12 dicembre 2011 alle 14:22

    ei ciao io mi chiamo davide e un anno fa mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 e adesso
    mi dovrebbero arrivare i soldi perche sono ancora minorenne e vorrei sapere quanto danno al mese perche ce chi dice 300 o chi 200 o chi 261, quanto è il valore vero?

  169. salvo
    12 dicembre 2011 alle 19:38

    idendita di frequenza si chiama e te la danno fino alla maggiore età ed e di 258 euri mensili per 10 mesi luglio e agosto nn lo pagano perchè la scuola e chiusa tranne se frequenti altri corsi anche d’estate!!

  170. Massimo
    23 dicembre 2011 alle 23:39

    Salve ho ventanni e sono diventato diabetico a 4,5 anni a 7 sono diventato ciliaco,per essere iscritto alle categorie protette è un’aggravante essere anche celiaci grazie Massimo

  171. andrea
    25 dicembre 2011 alle 03:35

    L’iscrizione nelle categorie protette, per l’assunzione ai sensi della L68/99, dipende dalla percentuale di invalidità e non fa differenza tra patologie e/o maggiore/minore invalidità. In pratica se hai i requisiti minimi(45% invalidità ecc) puoi essere iscritto: se hai più patologie e quindi una invalidità anche di molto superiore è uguale.La differenza può esserci eventualmente nell’idoneità al lavoro che ti da la commissione.

  172. michele
    27 dicembre 2011 alle 17:15

    sono iscritto alla categoria protetta, da oltre cinque anni, mai avuto una chiamata di lavoro, voi ci credete ancora , tanti auguri di un buon natale

  173. Valentina
    30 dicembre 2011 alle 14:17

    Salve, sono Valentina, la mamma di un ragazzino di 11 anni a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 solo un mese fa. Oltre alla “botta” di questa notizia, ho già avuto i primi intoppi con farmacie e quant’altro: dalla semplice macchinetta di cui non esistevano le strisce agli aghi pungidito….alla quantità di scatole di insulina che si potevano prendere, alla semplice tachipirina senza zucchero (per la quale ci hanno presi per dei visionari perchè secondo il farmacista non esiste). Mi domandavo se tante volte esiste uno sportello, un ufficio o cmq qualcuno a cui rivolgersi per tutte le domande: dalla richiesta della 104 ad un aiuto ….o comunque cosa spetta di diritto ad un diabetico di 11 anni.
    Grazie dell’attenzione e spero che qualcuno di voi sia in grado di farmi capire come muovermi.

  174. teresa
    30 dicembre 2011 alle 16:16

    a parte il fatto che conoscendo il problema da 12 anni sappiamo casa passa un genitore e i ragazzi per le continue rinunce e le mille paure’ che non passano mai anche quando diventa grande . Cara valentina una cosa e’ certa diventerai bravissima a gestirlo mille volte meglio di un medico ,ti aiutera’ l’amore per il tuo bambino. per il problema pratico devi rivolgerti ad un patronato, che gli spetta l’assegno di frequenza scolastico, fini ai 18 anni, riguardando la legge 104 per i permessi retribuiti (tre) giorni al mese sempre dal un patronato, pero’ dipende dalla gravità che la commissione ritiene dargli, spero di risentirti. ti abbracciamo fortissimo insieme al tuo bambino e auguriamoci che il 2012 sia l’anno decisivo per la cellula staminale che cancelli questa brutta bestia buon anno teresa e salvatore. PS. dimenticavo una cosa importante rivolgiti ad un centro antidiabete della tua città per farlo gestire al meglio ciao.

  175. andrea
    1 gennaio 2012 alle 19:18

    Ciao Valentina, sono il papà di una ragazzina di 12 anni diabetica da 7 anni. Sottoscrivo tutto quello che ha scritto Teresa. Voglio solo aggiungere il consiglio di rivolgerti anche all’associazione diabetici più vicina, di trovare (vicino a te e/o in rete) altre famiglie con cui scambiare esperienze, ragazzi con cui il tuo ragazzo imparerà a condividere dubbi e soluzioni. Vedrai che troverai molti amici inaspettati. Per gli aspetti pratici (materiali, medicinali ecc.) molto dipende anche dalla regione in cui abiti, ma sicuramente associazioni e patronati potranno aiutarti a districarti dalla burocrazia. Se vuoi puoi scrivermi qui a.rive@alice.it. Auguri per un bellissimo 2012.
    (Prova a curiosare http://www.diabetando.net… :)

  176. federico
    11 gennaio 2012 alle 10:23

    ciao a tutti .mi chiamo federico ho 45 anni e sono dt1 da 9 anni per adesso non ho complicanze e ho un buon controllo glicemico e ho hglicata 6 .Tovo molto interessante e utili tutti i commenti .ho un dubbio …….. ma è utile tutelarsi attraverso la legge o è uno svantaggio visto e sentito che le varie commissioni e i cavilli della legge sono”leggeri” ai fini pratici? grazie per la vostra attenzione

  177. andrea
    12 gennaio 2012 alle 20:29

    Bella domanda…il riconoscimento “ufficiale” della patologia può essere utile (a volte indispensabile) per alcune agevolazioni come esenzione dal ticket per prestazioni/medicinali correati alla patologia stessa e/o fornitura di presidi. Può servire, se i requisiti lo consentono, ad avere qualche minima protezione sul lavoo. Per il resto c’è anche chi crede, specie per i bambini/ragazzi, che l’invalidità non vada richiesta per evitare di sentirsi “handicappati” (nel senso peggiore del termine). Per me è esattamente una tutela, un mezzo che la legge, cioè la società, mette a disposizione per limitare i disagi che una malattia cronica può comportare. Il sentirsi o meno “diminuiti” dipende da come si cresce, non da un certificato (IMHO)

  178. Valentina
    13 gennaio 2012 alle 11:05

    Grazie a Teresa e Andrea per aver risolto un pò di dubbi e l’incoraggiamento che mi avete dato. Un abbraccio.

  179. Anto
    18 gennaio 2012 alle 12:41

    E’ sempre così. Si inizia pensando che si è abili, abilissimi, proprio come gli altri ed in parte (ma solo in parte) è vero, e poi la vita fa cambiare idea. Sono nato nel 77 e diabetico dal 90, non l’ho mai detto a nessuno, lo sanno solo mamma, papà fratelli e la mia compagna dopo 5 anni di convivenza…
    Ma il mondo del lavoro è infame,quanto il diabete che almeno nel mio caso mi crea non poche complicazioni.
    Sto iniziando a intraprendere la strada della legge 68, perchè credo che la 104 non ci spetta. Spero di farcela ma sono molto impreparato. Magari un vostro aiuto, di chi ha giò fatto questa prassi mi sarebbe molto utile.
    Perciò, se qualcuno si mette in contatto con me mi farebbe molto piacere.

  180. salvo
    2 febbraio 2012 alle 19:51

    ciao a tutti ..dopo 5 mesi finalmente mi è arrivato il verbale dell’invalidita..mi hanno dato il 67% ..voglio fare 2 domande : 1: che benifici posso avere con il 67% ? 2 domanda posso farmi assumere dalla mia ditta con la legge 66/99? chi ne capisce qualcosa e vuole rispondere la ringrazio tantissimo

    ciao a tutti una buona serata

  181. Andrea
    3 febbraio 2012 alle 11:21

    Ciao Salvo,
    due risposte veloci:
    1) guarda in cima alla pagina: ci sono un paio di link utili
    2) se già stai lavorando, con il 67% rientri automaticamente nei cosiddetti “computabili” cioè con i benefici della legge 68/99, tra l’altro potrebbe essere un vantaggio anche per l’azienda che così assolve gli obblighi di assunzione disabili.

  182. Francesca
    23 febbraio 2012 alle 20:37

    Ciao..sono una ragazza di 19 anni diabetica da 15…Nutro un forte desiderio di fare la maestra alle scuole elementari ma sono tormentata dal fatto che la mia “disabilità”possa impedimerlo…Sapete se questa è una delle categorie di lavoro per le quali potrei avere problemi o agevolazioni?
    Grazie:)

  183. roberto
    23 febbraio 2012 alle 21:24

    ciao sono roberto e sono diabetico da 2 mesi e o perso il lavoro cosa potrei fare

  184. Ilaria
    26 febbraio 2012 alle 12:07

    Ciao Francesca, ti rispondo in quanto sono stata supplente di scuola media e superiore per alcuni anni (e ovviamente sono diabetica). Ora però ho cambiato lavoro… :p
    Non c’è nessuna controindicazione nel lavoro che vuoi fare! Ti devi laureare e seguire le indicazioni sul tipo di formazione post-lauream che ti si richiederà sul momento (perché le cose cambiano continuamente!). E’ una categoria in cui puoi avere agevolazioni se ti viene concesso almeno un 46% di invalidità civile, MA le agevolazioni sono molto limitate: se sei supplente, l’invalidità è solo una caratteristica in più che si va ad aggiungere, SULLO STESSO PIANO, ad altre quali figli a carico ecc. Se, ad esempio, in graduatoria nella stessa scuola ci sono tre persone con 50 punti, di cui una senza nulla in più, una con figli a carico, e una sia con figli che con l’invalidità, viene chiamata prima chi ha ANCHE l’invalidità, ma NON passa prima di chi ha 51 punti. Quando però si arriva al posto fisso (se le cose non sono cambiate!), chi è invalido sceglie il posto prima di TUTTI gli altri, fra i posti disponibili.
    Ti consiglierei però di chiamare un sindacato specializzato nella scuola, anzi meglio se riesci ad andarci di persona, perché le loro informazioni ovviamente sono più precise e aggiornate :)
    In bocca al lupo!!!

  185. Francesca
    28 febbraio 2012 alle 16:48

    Grazie mille Ilaria!!Sono molto contenta per quello che mi hai detto!!!
    Sono contenta anche per il discorso delle agevolazioni anche se quella è la cosa meno importante..ciò che davvero conta per me è il fatto di poter fare il lavoro che desidero!!!
    Sicuramente mi informerò anche se per ora la strada è lunga visto che devo fare ancora i cinque anni di scienze della formazione!Grazie mille,davvero…
    Ciao:)

  186. roby
    28 marzo 2012 alle 18:25

    ciao a tutti. Ieri ho scoperto di essere diabetico con valori molto alti (fino a 560). Al momento tre iniezioni di insulina al giorno.
    Il mio problema adesso è il lavoro: sono collocato interinale con contratto a tempo determinato con scadenza a fine luglio. Ho paura per il rinnovo.
    Visto che sono anche iperteso e che ho versato contributi per oltre 30 anni pensate che possa tutelarmi in qualche modo?
    Grazie.
    Roby

  187. pietro uras
    10 aprile 2012 alle 16:12

    ciao a tutti: sono il papa di un bimbo di tre anni e mezzo al quale è stato diagnosticato diabete tipo1 .e per il momento deve fare 4 iniezioni d’insulina al giorno..sono solo 40 giorni che io e mia moglie siamo stati catapultati in una situazione fino a ieri impensabile.se è possibile avere delle indicazioni come muoversi per avere le agevolazioni del caso ..rivolgendomi al caf risolvo qualcosa? sono molto giù di morale e mia moglie non è da meno….scusate lo sfogo…un grazie a tutti..pietro

  188. andrea
    10 aprile 2012 alle 16:36

    Ciao Pietro, esser giù di morale è normale, ma vedrai che la compagnia è tanta e a ben vedere neanche così male :-).
    Per quanto riguarda gli aspetti pratici puoi rivolgerti alla più vicina associazione giovanile di diabetici per avere aiuto e confronto su cosa e come fare. Il caf spesso coincide con un patronato che può aiutarti (se non vuoi far da solo) per le procedure informatiche con inps per avere i permessi L104 ecc. Ti consiglio anche di cercare di contattare altri ( siamo purtroppo in tanti ) con cui scambiare idee dubbi esperienze ecc. Un consiglio, se bazzichi la rete, è di provare con i vari blog o simili (già sei capitato qui :-)) tra i tanti ti consiglio di provare con diabetando.net, ma soprattutto non fatevi scoraggiare: te l’ho già detto , siamo in tanti e tifiamo anche per voi. Un abbraccio a te, a tua moglie ed al piccino.
    Se vuoi scrivermi: a.rive@alice.it

  189. Fulvia
    10 aprile 2012 alle 18:47

    Ciao, sono la madre di una bambina di 10 anni che ha da poco esordito il suo diabete. Abbiamo un piccolo ristorantino a gestione familiare (mio marito ed io), ci siamo trovati “catapultati” in questa realtà, disorientati ma consapevoli.. Vorrei essere consigliata anche sulle agevolazioni per noi genitori, che non possiamo avere “ore di permesso”, ma chiudere direttamente il locale per seguire nostra figlia. Tra un piatto e l’altro ti saluto e ti ringrazio

  190. andrea
    10 aprile 2012 alle 23:22

    Ciao Fulvia, non so dirti se c’è qualche agevolazione per i “non dipendenti”. In alcune (POCHISSIME) ASL c’è il servizio di infermiere domiciliari che somministrano l’insulina a scuola per il pranzo, per il resto c’e l’indennità di frequenza (circa 270€/mese da ottobre a giugno per tutto il periodo della scuola dell’obbligo) che viene data dopo il riconoscimento dell’invalidità. Per il riconoscimento di invalidità occorre fare richiesta all’inps on line. Anche a te consiglio di cercare la più vicina associazione di diabete giovanile ed anche in rete (diabetando.net tra i tanti). comunque se vuoi scrivermi direttamente a.rive@alice.it

  191. mary
    16 aprile 2012 alle 20:27

    Salve a tutti! Ho 30 anni e ho il diabete di tipo 1 da 6 anni! Stavo pensando di fare domanda di invalidità per riuscire ad appartenere alle categorie protette, ma leggendo le vostre opinioni mi sto scoraggiando un pò e nn so se ne vale la pena! Ultimamente ho una glicata altissima, a 10, causata sia da una terapia inadeguata ma soprattutto da un periodo di forte stress, Faccio 5 iniezioni al giorno e sto seguendo la procedura x il micro, xchè ormai credo sia indispensabile! Fortunatamente non ho complicanze di nessun tipo, quindi mi chiedevo se la mia glicata e la terapia fossero mezzi sufficienti x raggiungere il fatidico 46%. Inoltre vorrei chiarimenti sul discorso patente…..nn ho ben capito, ma x noi diabetici ci sono particolari “leggi”?Quando ho preso la patente nn mi era stata ancora diagnosticata questa patologia e ho da poco fatto il primo rinnovo, ma in teoria alla motorizzazione nn sanno che sono diabetica! Grazie e buona serata!!!

  192. nino
    26 aprile 2012 alle 17:14

    Salve a tutti
    vorrei chiedervi se qualcuuno puo aiutarmi.Sono diabetico tipo uno è ho un invalidita del 33%.Sto facendo la pratica per l aggravamento.La mia domanda è questa credete che possa arrivare alla benedetta soglia del 46%?Dimenticavo qualcuno sa consigliarmi su come comportarmi in commisione di esame essendo che nel ultimo periodo ho frequenti casi di ipoglicemie?

  193. vandam
    28 aprile 2012 alle 17:23

    ciao sono un ragazzo diabetico insulino-dipendente da un anno, sono preoccupato perchè il mio datore di lavoro mi vuole licenziare.Dice che il tipo di lavoro non va bene per me in quanto può essere pericoloso.Ho fatto domanda di invalitdità,mi è stata data al 33%,quindi non posso essere assunto come assunzione obbligatoria.Che fare?

  194. andrea
    29 aprile 2012 alle 00:02

    La ” benedetta ” soglia del 46% dipende principalmente dalla commissione: se avete qualunque altra patologia certificata, anche se minima, aggiungetela perché , come si dice …tutto fa’.
    @MARY: se la motorizzazione nn sa nulla ti considera “normale” per i rinnovi, ma il GROSSO problema è l’assicurazione che in caso di incidente, anche se avessi ragione, può accampare il fatto che avevi tenuto nascosto ecc ecc ed allora sono guai (non parliamo se fossi pure in torto: rischi addirittura che rifiutino di coprirti!) non voglio far terrorismo (nè tantomeno gufare) ma può creare guai seri il nasconderlo. Per leggi e decreti relativi affidati a google ;-)
    @VANDAM: premesso che il 46% ti serve per una nuova assunzione, altrimenti la percentuale per esere riconosciuto computabile se già lavori è molto più alta (>60%)
    non è chiaro su che base ti vogliono licenziare e soprattutto come puoi rispondere: Che lavoro fai? Che dimensione ha la ditta in cui lavori? Un medico competente oppure una commissione medica ti hanno dichiarato inidoneo alla tua mansione specifica? C’è eventualmente un’altra mansione per la quale potresti essere idoneo? Lavoro all’ufficio gestione personale di una grossa azienda e se ti va puoi scrivermi direttamente a.rive@alice.it per approfondire

  195. gianpy
    14 maggio 2012 alle 16:26

    salve,ho appena scoperto qst sito e la trovo molto utile ed interessante.sono il papà di un bimbo di 10 anni,diabetico da 5.mio figlio ha la 104 senza gravità,è stato riconosciuto “minore ke nn riesce a svolgere le funzioni della propria età”.ho letto nei commenti ke per qst tipo di 104 vi sono i 3 giorni di permesso,dei quali io nn ne sto usufruendo.come posso fare per ottenerli e dove posso trovare informazioni in merito?grazie in anticipo

  196. andrea
    14 maggio 2012 alle 16:53

    Informaioni in rete ne trovi tante: HANDYLEX solitamente è il più aggiornato, anche se si rivolge atutti, più specifico è DIABETANDO dove sicuramente roverai amici e consigli di ogni genere. Per quanto riguarda le modalità di utilizzo della 104 i riferimenti sono l’Inps (al quale fare domanda, ma trovi tutta la modulistica on line) ed il tuo datore di lavoro, in particolare l’ufficio gestione personale, per le modalità di comunicazione per quando utilizzarle. Ti ricordo che malgrado ci sia spesso il tentativo di imporre regolamenti aziendali per limitarne l’uso l’unico riferimento va fatto alla legge! comunque se vuoi scrivermi direttamente il mio indirizzo è a.rive@alice.it Ho anch’io una figlia D1 di 12 anni ed usufruisco di 104. :)

  197. WebMasterOne
    14 maggio 2012 alle 20:23

    @ gianpy
    Per avere i 3 giorni di premesso (o usciree 2 ore prima tutti i giorni, mi pare, non ricordo bene) devi avere la 104, ma è necessario avere l’ ART 3 COMMA 3
    solo questo articolo e comma ti danno diritto ai giorni di permesso

  198. antonio - modena
    29 maggio 2012 alle 10:21

    Ciao a tutti.
    Innanzitutto un complimento per questo forum che credo sia uno dei pochissimi davvero utili.
    Una domanda: qualcuno mi saprebbe gentilmente dire quali sono i “paletti” minimi per poter essere posti in quiescenza? Un collega di mio fratello che frequenta il mio stesso centro diabetologico fa il carabiniere e ha 27 anni di servizio. Da circa 2 anni ha saputo di essere diabetico di tipo 1 con una discreta gestione diabetica. Mi diceva che potrebbe essere posto in quiescenza perchè lo status di diabetico non permette a chi ne soffre di svolgere attività nelle forze di polizia (che stupidaggine). Per questo motivo ha paura ad informarsi preferendo continuare a lavorare.. Lo faccio io al posto suo.
    Le domande che pongo quindi sono:
    - è possibile che lo possano congedare?
    - se si, ha diritto almeno a una sorta di pensione?
    - se si, in che misura (più o meno)?
    Grazie a chi vorrà dargli qualche lume…

  199. cavallaro giuseppe
    29 maggio 2012 alle 16:10

    Sono diabetico mellito 2 faccio tre insulina mattino mezzogiorno sera n°7 unita’
    ho subito n°2 interventi alle ginocchia x cartillaggine senza guarire cammino col bastone
    portatore di sacca x le feci posso chiedere la 104//e l’accompagnamento grazie

    e-mail–giuseppecavallaro_023@fastwebnet.it

    distinti saluti
    cavallarogiuseppe

  200. sofia
    15 giugno 2012 alle 18:19

    sono mamma di bambina di 11anni chi avuto il diabete in agosto 2011 ,a settembre iniziato il suo primo anno a scuola media ,a giugno 2012 lo bocciano a scuola anche si la mia figlia ha fatto tutto quello chi po’ . ha studiato da sola sansa nessun sostegno della scuola(proff di sostegno) ,i suoi risultati erano medie non nulla .a vostro parere e giusto bocciare un invalido? perché mia figlia la 104 di 60%

  201. enza ditommaso
    20 giugno 2012 alle 20:31

    ho scoperto da poco di essere diabetica. Occupo un posto statale, ho molte difficoltà a effettuare controlli presso strutture pubbliche perchè così dovrei prendere il giorno per malattia per cui mi rivolgo a medici privatamente …….a lungo questa cosa mi sta pesando e economicamente che emotivamente perchè vorrei essere seguita presso una struttura adeguata e non posso………..mi sono recata dal mio medico curante per sapere se posso avere qualche piccolo diritto alla 104( non voglio riconoscimenti economici ma solo i giorni per recarmi presso ospedali ) e lui mi ha detto che non mi spetta nulla ………Sono perplessa e mi piacerebbe capire se posso ottenere o meno questo aiuto,,,,,, aiutatemi a capire ,,,,,,,grazie
    dito62

  202. 16 luglio 2012 alle 22:15

    qualcuno sa se ci sono incentivi x i diabetici km okkiali da vista e altro??? grz

  203. giggi
    7 settembre 2012 alle 11:36

    Domanda secca: ho diabete 2 abbastanza sotto controllo, ipertensione, ma ho una stenosi serrata femoralesuperficiele con caludicatio 50-100 metri? Se faccio domanda d’invalidità in che classe di punteggio dovrei rientrare? ( Già il 46% basterebbe visto che sono disoccupato…)
    Grazie sin d’ora

  204. maria60
    13 settembre 2012 alle 21:22

    Mi sapete dire se ci sono agevolazioni per le tasse universitarie per una che ha il diabete tipo1

  205. stefano
    24 settembre 2012 alle 20:09

    macchè mia madre ha il diabete ad un occhio non ci vede a l altro pochissimo, cade spesso dove passa inciampa un casino x la cucina gli dobbiamo stare a presso

  206. Davide
    5 ottobre 2012 alle 23:30

    Salve a tutti mi chiamo Davide ho 27 anni e sono diabetico di tipo 1 dall’età di 6 anni, e ho anche la gastrite col reflusso esofageo, faccio 4 insuline al di’ più la cura per la gastrite, sono siculo abito nel centro Sicilia e sono disoccupato, o lavorato dal 2005 al 2008 come apprendista e ora vivo con mia mamma e andiamo avanti con la sua minima pensione, ora vorrei sapere se mi spetta un aiuto dallo stato visto ke non ho un lavoro e non posso sperare ancora ke mia mamma mi aiuti fino a quest’eta’ e col poco ke gli danno! spero mi illuminate grazie anticipatamente a tutti…

  207. Luisa
    23 ottobre 2012 alle 16:10

    A Enza: anch’io ho il diabete, e sono 47 anni!!!!!!!! sono pure statale, i permessi per le analisi e anche per malattia dovuta sempre alla patologia 013 (quindi ipo o iperglicemia), non sono soggetti a ritenute purchè il medico curante dichiari che analisi o assenza per motivi di salute, sono causate dalla suddetta patologia. A proposito di leggi varie 104, 68, ecc. non sperate nulla se non, ed in questo caso battetevi, per i bambini piccoli e per ottenere il cambio di posto di lavoro per un’attività consona. Comunque, se qs può aiutare qualcuno, si può fare tutto stando un po’ attenti a conoscere bene se stessi e le proprie reazioni a sforzi fisici, cambiamenti climatici, soprattutto caldo, emozioni. Auguri a tutti

  208. Franco
    27 ottobre 2012 alle 12:15

    ciao a tutti sono franco ho 47 anni e da quando ne avevo 14 sono diabetico. a 18 anni ho fatto domanda di invalidità , mi è stato riconosciuto il 50% ma pur avendo avuto alcune difficoltà a trovare lavoro ho iniziato a lavorare in un supermercato senza mai usufruire della legge 68 a cui avrei avuto diritto,non mi sono mai sentito un disabile anche se con il passare del tempo alcune complicanze del diabete sono comparse ( Retinopatia con perdita di 4/10 ad un occhio-neuropatia, con dolorini di varia natura .)nel 1996 come se non bastasse sono iniziati problemi alla tiroide poi due interventi alle mani “DUPUITREN”malattia autoimmune come il diabete , nel 2007 ho subito un intervento di vitrectomia ad un occhio Nonostante tutto ho sempre lavorato . quando però nel 2009 sono rimasto senza lavoro ho trovato non poche difficoltà a trovarne un’altro allora grazie alla 68/99 sono riuscito a farmi assumere in un supermercato a fare il mio lavoro dove lavoro come qualunque altro mio collega assunto normalmente . La ditta però per tutelarsi e specularci un po / Visto che era obbligata ad personale dal collocamento mirato mi ha fatto soltanto un contratto PART-TIME 24 ORE a mio malincuore . Ora vi chiedo: è giusto che le ditte assumano personale a part-time con la legge 68/99 calcolandole come una unità lavorativa a tempo pieno? Trovo che vogliano un po raggirare la legge che prevede il 7% dal collocamento mirato quando superi i 50 dipendenti

  209. Franco
    27 ottobre 2012 alle 12:18

    Dimenticavo …Pensate sia il caso dopo 30 anni chiedere una revisione dell’invalidità visto le compliocanze avute nel tempo che benefici ne avrei ? avrei dei rischi per la patente

  210. Angelo
    9 novembre 2012 alle 16:56

    Sono Angelo,sono diabetico tipo 1 dal 1976 ho iniziato con tre punture al giorno per poi finire con quattro,da circa dieci anni uso il micro infusore,a parte la scocciatura di avere sempre un ago inserito se non altro non mi devo pungere quattro volte al giorno.Per il discorso della patente,il mio lavoro era simo al 1995 agente di commercio quindi andavo in giro usando prima un camion frigo poi un autovettura ,per poter passare la visita del rinnovo della patente sono stato costretto a fare carte false (visita presso autoscuola dove non ce un medico della A S L dichiaravo di essere sano e tutto era risolto.purtroppo sono stato costretto a comportarmi in questo modo altrimenti non avrei potuto lavorare.La visita per la pensione e’stata negativa perché mi hanno riconosciuto il 50/ ,ho le mie ipoglicemie ma per fortuna oggi non vado più’ ingiro per lavoro,però’ la patente c’è l’ho sempre.

  211. 5 gennaio 2013 alle 19:12

    I leave a leave a response each time I appreciate a post on a site or if I have something to contribute to the
    discussion. Usually it’s caused by the fire displayed in the article I looked at. And on this post Diabete, invalidità e benefici di legge La Strana Malattia. I was actually excited enough to leave a comment ;) I actually do have 2 questions for you if it’s allright.
    Could it be just me or do a few of the remarks come across as if
    they are left by brain dead visitors? :-P And, if you
    are posting on other sites, I would like to follow you.
    Would you make a list all of all your public pages like your Facebook page, twitter feed, or linkedin profile?

  212. 13 gennaio 2013 alle 16:02

    ciao sono di età 53 anni e da 12 in pensione per invalidità di servizio nei carabinieri del 60% da circa un anno mi hanno riscontrato il diabete di tipo 1 posso fare l’agravamento di salute per avere il 100% di pensione. grazie

  213. nicola fragola
    30 gennaio 2013 alle 12:18

    ciao ragazzi anche io sono diabetico insulinico ,dal 1989,,vi posso garantire che grazie alla, mia disabilita’ avendo ususfruito della legge 68-99 sono riuscito ad avere un posto di lavoro,lavoro in un piccola azienda metalmeccanica da tre anni,con tante difficolta’ mi hanno trattato come tutti gli altri miei colleghi,perche’ non avendo mai nessuno dei signori del famoso collogamento mirato,a spiegarmi tante cose ,vorrei un aiutino per capire ,anche se ultimamente grazie ad internet mi sto piano piano aggiornando,,,grazieeeee

  214. Helena
    5 febbraio 2013 alle 10:22

    Ciao io sono una ragazzina di 12 anni è sono quasi diabetica (insulina alta),non so come fare a controllarmi a mangiare mangio tantisimi dolci..!
    Della mia famiglia nessuno è ereditario al diabete solo io (QUASI)
    Ho paura di questa malattia perchè credo che mi cambierà la vita…Peso solamente 50 kg
    E proprio a me questa cosa??
    Febraio 2013

  215. michele
    6 febbraio 2013 alle 16:23

    sono un uomo di 58 sono diabetico da quasi 2 anni mi sono aoperato di una ulcera al piede
    che ancora adesso ne soffro, sono senza lavoro, ho problemi alla vista alla retina e mi devo
    operare, esiste qualche possibilità che mi danno un assegno di invalidità,vi prego aiutatemi.
    grazie

  216. giovanni
    20 febbraio 2013 alle 15:40

    io ho 33 anni, diabetico da quando avevo 3 anni.
    ho sempre pensato e sperato di poter farcela senza aiuto.
    adesso, da qualche mese, mi trovo in difficoltà: mi hanno diagnosticato retinopatia diabetica proliferante (per fare il laser devo fare ogni mese più di 200 km) e, cosa ben più odiosa, il morbo di dupuytren ad entrambe le mani: mi sveglio spesso la notte con dolori allucinanti e ho numerosi problemi al lavoro (facendo l’operaio non è il massimo questa malattia).
    ho deciso di provare ad usufruire della legge 104, ho iniziato da pochissimo l’iter burocratico….vedremo che tempi e che obiettività andrò incontrando (mi è stato detto che le commissioni spesso non sono tanto benevole…)

  217. emanu7ele
    8 marzo 2013 alle 16:18

    salve

  218. emanuele
    8 marzo 2013 alle 16:26

    salve, mi chiamo Emanuele.sono diabetico tipo 1..dal 1991..mi è venuta quando avevo solo 4 anni..adesso ho 22 anni,praticamente lavoravo al cantiere navale ho fatto tanti tipi di lavori..cmq a volte mi sentivo maluccio perchè facevo lavori pesanti…x avere una agevolazione che dovrei fare?

  219. Fabio
    5 aprile 2013 alle 18:46

    Ciao a tutti io sono Fabio ho 41 anni non sono diabetico ma ho avuto un problema differente. Nel 2011 mi hanno trovato un melanoma, l’ho tolto (fortunatamente non ho dovuto fare terapie) ma ogni 6 mesi devo fare i controlli(piu le altre varie visite e analisi). Ho fatto richiesta della legge 104 (per non bruciarmi tutti i giorni di ferie ogni volta) e ad oggi (siamo al 5 aprile 2013) ancora nulla (se questa e’ la sanita’!). Cosi’ ho deciso di rivolgermi ad un avvocato (tramite patronato) per riuscire ad ottenere una cosa che mi spetta. Ma la cosa piu’ amara e’ quando amici o colleghi ti prendono in giro (scherzando) cosi: a te che hai avuto questo non te la danno, a gente che non nulla invece si.
    Scusate lo sfogo.

  220. 17 giugno 2013 alle 03:49

    If you use the service of a good and reliable reverse phone look up service you can get access
    to tons of information on a specific number and the respective
    owner. No wonder kids feel detached and get angry – they are being ignored by the people they
    need the most. Second, in the event that some mugger
    calls your bluff and assaults you, you’re going to be stuck with a distinctive lack of firepower.

  221. sabina
    17 giugno 2013 alle 16:08

    Sono un infermiera professionale lavoro da 20aa in una clinica convenzionata. Sono rimasta incinta e da li mi sono scompensata metabolicamente,eseguo insulina 4 volte al gg e prendo la compressa di eutirox(avendo avuto invalidità’ 50%). Rientrando al lavoro ho avuto delle agevolazioni lavorando in ambulatorio con orari regolari circa 8 aa.Da 2aa non mi danno tregua passando prima in un reparto intensivo 1aa , per altrettanto 1aa in ambulatorio e adesso sono passata in un reparto di degenza dicendomi di fare orari di 8 ore.Sono disperata vorrei sapere che con questa invalidità’ ho diritto a ritornare in ambulatorio facendo le mie 6 ore?Grazie

  222. 11 luglio 2013 alle 08:24

    has some high and sharp pitched guitar in the beginning.
    Subway entrances feature a gray concrete structure with a symbolized lamp
    box. There is a donut dog bed where the dog can sleep in the “hole”
    in the middle.

  223. 18 luglio 2013 alle 22:33

    I delight in the knowledge on your web site. Thank you so much.

  224. patrizia
    2 settembre 2013 alle 20:23

    buonasera a tutti . mi chiamo Patrizia, 38 anni diabetica da 33 , con microinfusore da 7 . anche io ho fatto domanda di invalidità solo perché in crisi con il lavoro circa 6 anni fa . mi è stata riconosciuta una invalidità del 46% . ho chiesto per la 104 ma mi è stato detto che non mi spetta . un paio di anni fa ho fatto domanda per l aggravamento avendo in quel momento una glicata pari a 8,5 ma mi è stato detto che ” non ero abbastanza grave” . grazie a Dio e a me :) al momento non ho particolari complicanze se non una ipoacusia bilaterale e inizio di artite reumatoide che dicono possa derivare dal diabete . scusate ma non ho ben capito ( e non ho letto tutti i post che sono veramente tanti :P ) a chi spetta la 104 ? solo a genitori o anche al diabetico stesso ? che “requisiti” bisogna avere ?? grazie grazie

  225. giuseppe
    3 settembre 2013 alle 09:27

    salve mi chiamo giuseppe, ho una bimba di 5 anni da 7 mesi diabetica di tipo 1 con 4 punture al giorno di insulina;
    la bimba non vuole fare l’insulina comincia a piangere come una matta mi piange il cuore al solo pensiero, pensa quando solo davanti a lei con la penna insulinica in mano, cosa posso fare per rincuorarla io e mia moglie siamo alla frutta non sappiamo piu’ cosa fare e calcolando che non esiste un oggetto, gioco, o altro che lei non abbia

  226. patrizia
    3 settembre 2013 alle 10:59

    ciao Giuseppe, sono diabetica da quando avevo 5 anni e so benissimo che non è semplice .. non so darti le parole giuste da poter spiegare a tua figlia quanto quella punturina poi possa farla stare bene . ma posso dirti che ci sono ora dei rimedi meno dolorosi . si chiama i-port , è un dispositivo che si inserisce una volta ogni 3 giorni e da li fai la dose di insulina http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=i-port&source=web&cd=1&cad=rja&ved=0CC8QFjAA&url=http%3A%2F%2Fsito.movigroup.com%2Fit%2Fi-port-advance%2F&ei=ybIlUsuCNojEswaRroHIBg&usg=AFQjCNFo1PZg52N7bTrs9oOXdG6yqThX-A

    spero possa esserti utile . parlane con il diabetologo . un abbraccio

  227. patrizia
    3 settembre 2013 alle 11:03

    è simile ad un bottoncino , la mia fantasia potrebbe suggerire poi , usando dei colori per la pelle , essendo lei una bimba di fare un fiorellino intorno ..e l insulina diventa magicamente acqua per il fiorellino .. che so , potrei aver fantasticato troppo ma perché non provare ….. :)

  228. 11 settembre 2013 alle 02:25

    Janna did get a big scare at one point by the noise of something growling next
    to her. The Reaal Construction Deluxe Tool Workshop is available online from Amazon and retails for $24.
    This includes familiarity with different types
    of routers and their uses for different networking purposes as well as adeptness with Ethernet cables and
    other hardwar requirements for networking.

  229. 11 settembre 2013 alle 14:22

    Ciao! Mi chiamo Remo, 40 anni originario di Lecce e domiciliato in provincia di Pesaro per motivi di lavoro… Sono diabetico di tipo 1 e sono seguito dal centro diabetologico di Pesaro, ma ho ancora il medico di base nella mia provincia di origine, per motivi personali.. ogni mese mia madre mi deve spedire per pacco,da giù; gli aghi,le strisce reattive per il controllo glicemico,l’ insulina, in base al piano terapeutico rilasciatomi in Puglia… so però che esiste il modo di poter prendere suddette medicine qui dove mi trovo , dopo aver presentato un “pagherò” rilasciatomi dalla mia a.s.l. di origine, ma.. sempre le solite questioni burocratiche, mi è stato detto che “DEVO PRENDERE UN DOTTORE TEMPORANEO nella zona in cui vivo”.. IL CHE MI PORTEREBBE NOTEVOLI SVANTAGGI E DISAGI, al lavoro (già precario di per sé..) al centro diabetologico mi han fatto vedere uno di questi impegni a pagare,rilasciati da diverse a.s.l. di diverse regioni di Italia (tra cui,ho letto di sfuggita, la Campania e la Sardegna) alla a.s.l. delle Marche in cui mi trovo.. a chi mi posso rivolgere? qual’ è l iter corretto per poter risolvere questa situazione? NON POSSO CAMBIARE RESIDENZA e non capisco perché dovrei lasciare il mio medico di famiglia che ho Giù a Lecce, se esiste di fatto la possibilità di ovviare ??? Grazie mille !

  230. maurizio
    5 aprile 2014 alle 15:56

    Buonasera a tutti
    sto facendo la domanda per la legge 68 per l invalidità ho 35 anni sono diabetico da 13 microinfuso con retinopatia non proliferante e neuropatia sensitiva agli arti,il mio dubbio è posso raggiungere almeno il 46% per poter rientrare nelle liste agevolate del lavoro?
    Grazie buona serata

  231. 22 aprile 2014 alle 23:21

    Pretty component to content. I just stumbled upon your site and in accession capital to say that I get actually enjoyed account your weblog posts. Anyway I will be subscribing in your feeds and even I fulfillment you get right of entry to constantly rapidly.

  232. EMILIA VINCI
    22 agosto 2014 alle 19:28

    sonoEmilia ho 78 anni ,chiaramente ho qualche problema di salute.come ,ipertenzione ,artrosi,mi obbliga a deambulare malamente,e dulcis in fundo sono diabetica di tipo 2 , mi chiedo se,possibile avere un aiuto economico dalla struttura sanitaria sono pemsionata ma ovviamente è tutto
    inadeguato per affrontare la spesa di una persona che mi aiuti a vivere per superare le dif-
    ficolta, giornaliere .
    grazie, cordialita

  233. Credit Solution Company
    6 ottobre 2014 alle 09:43

    Ciao caro

    Se siete stanchi di Prestiti e Mutui banche e altre istituzioni finanziarie stanno cercando, o che hanno abbassato costantemente dal sistema di micro-finanza. Questo è il minimo mensile di $ 1.000,00 a $ 10.000.000,00 tasso di interesse massimo che varia tra il 3% del credito Deliver è di informarvi che con il 100% di garanzia. Diamo CREDITS per migliorare il business. un / espansione delle attività vantaggio competitivo. Siamo certificati affidabile, affidabile, efficiente, veloce dinamico e assicuratevi di riposo. La cooperazione è il finanziere immobiliare e tutti i tipi di finanziamento, abbiamo un prestito a lungo termine per almeno un a vent’anni, e per dare a tutti l’interesse e permettono di calcolare e versare annualmente. Abbiamo i seguenti tipi di prestiti in offerta e
    molti di più;

    * Prestiti personali (prestito non garantito)
    * Business Prestiti (prestito non garantito)
    * Prestito di consolidamento
    * Combinazione Prestito
    * Indice di Sviluppo

    Per cercare di posta elettronica punti di contatto
    Indirizzo e-mail: creditsolutioncompany@financier.com

  234. Massimo
    7 ottobre 2014 alle 21:40

    Salve, mio figlio ha 16 anni ed é diabetico tipo 1 – vorrebbe entrare nelle forze armate. Avete notizie in merito? Magari in servizi tipo specialistico da laureti o…… .grazie per la risposta.

  235. ilaria
    8 ottobre 2014 alle 07:32

    Buongiorno Massimo. Direi che la cosa migliore sarebbe verificare ATTENTAMENTE i vari bandi, anche scaduti, x avere una idea di massima (da vetificare poi con il bando di vs. effettivo interesse quando sarà il momento). Occhio che magari non scriveranno esplicitamente DIABETE, ma cose tipo MALATTIE DELL’APPARATO ENDOCRINO ecc.
    Tenete anche conto che in Italia le carte in tavola vengono cambiate spesso, perciò un NO attuale potrebbe magari diventare SÌ, e viceversa.
    In tutto questo, cercate di mantenete sempre il diabete al meglio possibile! (forze armate o no).
    FORZAAAAAAAA!!!!!!!! :-)

  236. Nicola Isidori
    11 novembre 2014 alle 11:17

    carissimi amici ,io mi chiamo NICOLA e sono diabetico dall’età di dieci anni oggi ormai ne ho 42 e diventato insulino dipendente dal 1996.Dopo qualche anno,nel 2009 ho delle emorargie retinicche con perdita dell’occhio destro,ma grazie a Dio e al primario dell’oculistica di San Severino Marche Ramovecchi ho salvato il sinistro. Ma il sinistro non ha tutto il campo visivo,però mi accontento.Ho fatto la visita per l’invalidità che pur certificando che l’occhio sinistro è SPENTO e che faccio 4 insuline al giorno mi hanno riconosciuto solo il 46%. IL problema e che non so cosa fare tutte le carte,le ducumrntazioni delle operazioni fatte,e tutte le visite che faccio a cosa servono?Scusate lo sfogo,voi un consiglio me lo potete dare? Non so più che fare sto diventando un peso per casa. Grazie

  237. ilaria
    11 novembre 2014 alle 13:58

    Carissimo Nicola, siamo diventati diabrtici più o meno contemporaneamente! (mal comune, mezzo gaudio!) :-P
    Dicono che alla prima visita si tengono “stretti” di percentuale, e il tuo caso in effetti sembra abb eclatante. Potresti provare a chiedere un aggravamento, ma pii non so se un % più alta servirebbe a qualcosa… Prima di tutto io andrei da un patronato x capire che benefici plotresti avere oltre all’attuale iscriz alle liste di colocamento

  238. Nicola Isidori
    11 novembre 2014 alle 14:59

    Grazie Ilaria ,mi sto muovendo in tal senso e ti farò sapere per adesso grazie

  239. Francesca Pal
    11 novembre 2014 alle 16:32

    Nicola, fai SUBITO ricorso! Io (vedo solo dall’occhio dx perchè il sx è come il tuo) ho avuto il 55% e ho fatto ricorso, vincendolo (mi hanno dato ragione da Roma)! Vai a un patronato o sindacato (scegli tu) e fai immediatamente ricorso. Ci sono delle tabelle di legge che devono essere almeno avvicinate, se non rispettate al 100%! Se non sei in tempo per il ricorso (peccato) fai subito la domanda di aggravamento. Se hai fatto vitrectomie (io si a tutti e due gli occhi) e hai avuto emorragie gravi, hai diritto a un’invalidità dal 90 al 100% (questo dice la legge).
    In bocca al lupo!

  240. ilaria
    11 novembre 2014 alle 16:45

    Il Signore benedica la tua pratica, Nicola, e benedica anche te! CI BENEDICA TUTTI!! :-)

  241. Nicola Isidori
    12 novembre 2014 alle 11:52

    Grazie Francesca e grazie a te Ilaria perché avete saputo consigliarmi!!!! Vi terrò informate su tutto,grazie nuovamente e che il Signore vi benedica e vi protegga sempre

  242. celeste
    17 novembre 2014 alle 15:57

    ciao a tutti, ho il diabete di tipo 1 e da poco ho fatto 18 anni (una settimana fa), prima del mio diciottesimo avevo un’ invalidità del 100% perché oltre al diabete sono anche celiaca, oggi mi è arrivata una lettera dove c’ era scritto che mi avevano tolto l’invalidità del 100% dandomi il 50%. Vorrei sapere cosa devo fare, perché mio padre dice che non è giusto perché lui ha il 51% avendo soltanto problemi di tiroide. Vorrei informarmi bene su tutto perché non so molte cose visto che se ne occupavano i miei genitori.

  243. ilaria
    17 novembre 2014 alle 17:00

    Ciao Celeste. La questione delle % è sempre spinosa… Anche a te consiglierei di sentire un patronato, dato che loro vedono molti casive hanno esperienza nel campo. Mi raccomando, porta il verbale di invalidità e anche questa lettera di cui hai parlato. Forse si potrà fare ricorso! Cmq io, con diabete insulinodip dal 1982 (leggeri problemi alle retine e ipo di cui non sempre mi accorgo) e lieve ipertensione certificata dal medico curante, ho avuto 46% e il mio diabetologo dice che sono già stata fortunata!
    Facci poi sapere!

  244. celeste
    17 novembre 2014 alle 17:31

    Grazie mille Ilaria :)

  245. Marco
    20 novembre 2014 alle 22:35

    Ciao a tutti volevo sapere quali sono i vantaggi economici per un’azienda che decida di assumere un lavoratore in categoria protetta con un punteggio di 47% e in quale percentuale. Grazie per le risposte.

  1. 13 aprile 2010 alle 22:55

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 72 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: