Home > Consigli, diabete > La buona informazione medica…

La buona informazione medica…

… è difficile da trovare. TV, stampa & Infernet spesso ci propongono mezze verità, statistiche “ritoccate” o stramberie! Ecco qualche consiglio di sopravvivenza nella ricerca di informazioni corrette nei vari media:

Controllate le fonti.

Una corretta notizia medica è sempre accompagnata riferimenti o fonti. Una fonte può essere uno studio, un libro di testo, un link o la dichiarazione di un medico. Senza una fonte, una qualunque affermazione in campo medico non è un fatto, ma un’opinione. Oltre alla fonte, è bene verificare che l’informazione riporti la data di pubblicazione. Spesso su internet capita di trovare informazioni superate, e la data è una informazione importante da cui partire. Se nell’informazione viene riportata la data dell’ultimo aggiornamento ancora meglio.

Come fare a riconoscere una buona fonte?

Nella stragrande maggioranza dei casi, uno non ha le competenze mediche per giudicare se una fonte è attendibile o meno. Però in alcuni casi alcuni indizi possono mettervi in guardia:

  • Diffidate da fonti troppo generiche. Diffidate da chi cita, ad  esempio,  un testo di medicina generale per giustificare la propria tesi su una malattia complessa.
  • Valutate il contesto di ciò che state cercando. Un esempio classico sono le notizie sul diabete, nella stragrande maggioranza dei casi si basano su studi riguardanti il diabete tipo2 e potrebbero non interessare  un diabetico tipo1.
  • Se la fonte è palesemente sponsorizzata da società farmaceutiche, fate attenzione. Sebbene le informazioni contentute in siti del genere siano tipicamente corrette, possono essere “di parte” ovvero sono riportate solo le informazioni a supporto dei prodotti sponsorizzati.
  • Per evitare di perdersi fra tecnicismi medici (da un lato) o possibili tarocchi (dall’altro), una buona via di mezzo è affidarsi a siti  di associazioni o di tutela dei consumatori. Alcuni di questi utilizzano un codice di autoregolamentazione, tipo l’HON (Health On the Net) code, un vero e proprio certificato rilasciato ai siti che si conformano al seguente codice di condotta (http://www.hon.ch/HONcode/Patients/Italian/).

Riconoscere i tarocchi

La medicina è tutto tranne che una scienza esatta, e questo è una manna per chi vi propone le notizie, in quanto è più facile “manipolarle”  in base al messaggio che si vuole trasmettere. In generale, questo vale qualunque sia l’informazione e chiunque faccia informazione, dal più grande degli editor fino al più piccolo dei blogger.  In campo medico ciò può essere potenzialmente molto pericoloso, in quanto può generare false speranze, panico o peggio atteggiamenti pericolosi per la propria o altrui salute.

Quindi, per evitare brutte sorprese è bene armarsi innanzitutto di spirito critico, buon senso ed accendere i neuroni. Un pò come se davanti a voi ci sia uno scaltro venditore di automobili consigliatovi dal vostro peggior nemico. O un promotore finanziario. O un diabetologo che vi tenta di spiegare le cause del diabete.

Ecco un bel link che vi spiega alcuni “trucchetti” più usati nell’informazione medica, imparate a riconoscerli:

http://www.partecipasalute.it/cms_2/informati_bene?q=trappole

Io mi soffermo su giusto su un paio di considerazioni sulle notizie che circolano sul diabete:

  • Occhio alle cifre! Dire che nel 2010 i bambini diabetici tipo1 sono stimati come  lo 0,025% del totale del bambini da 0 a 14 anni o dire che sono che saranno 479,6 mila unità (fonte: http://atlas.idf-bxl.org/content/diabetes-young-global-perspective), sono entrambe affermazioni corrette.  Cosa cambia? Che nel primo caso l’impatto “sembra” più basso…
  • Le statistiche sono tanto più accurate quanto è più ampio e completo è il campione statistico. Che significa? Che -ad esempio – gli studi fatti su tante persone sono in genere più affidabili, ma bisogna fare attenzione che le persone non vengano scelte a caso. Ad esempio, studiare l’insorgenza del diabete tipo2 su popolazione esclusivamente giovane darebbe risultati molto diversi da uno studio fatto su persone di tutte le età.
  • Occhio quando si parla di fattori di rischio. Un fattore di rischio di una malattia non è necessariamente una causa, ma è un evento correlato alla malattia. Quando si parla di diabete le cause scatenanti della malattia non sono ancora state accertate, al momento si parla solo di fattori di rischio. Spesso escono notizie su studi che mettono in relazioni le cose più improbabili con l’insorgenza del diabete, facendole passare come “cause”.
  • Inutile a dirsi, diffidate da persone che vi propongono cure miracolose, veloci o senza effetti collaterali. Troppo bello e troppo facile credere di aver trovato l’unica persona al mondo in grado di guarirci a dispetto di flotte di medici che da anni fanno ricerca. Potrei anche capire farsi spillare i soldi per far finta di parlare con lo spirito del nonno e chiedergli i numeri al lotto, ma la salute è una cosa seria. Se interessa, per testare se una persona è iscritta all’albo dei medici ho trovato il seguente link: http://application.fnomceo.it/Fnomceo/public/ricercaProfessionisti.public
  • Per rendere nuove cure o tecnologie alla portata del paziente, occorrono anni ed anni di test. E’ perfettamente inutile stappare lo spumante ogni volta che hanno frullato qualche topo da laboratorio  ottenendo risultati mirabolanti. Paradossalmente, il miracolo non è se domani scoprissero la cura definitiva per il diabete, ma se arrivasse sugli scaffali delle farmacie solo dopo 5 anni dalla scoperta.

Buona ricerca

Fonti:

http://www.farmaciespaziosalute.ch/pdf/medicamenti%20e%20internet.pdf

http://www.partecipasalute.it/cms_2/informati_bene?q=navigare

http://www.diabete.net/index.php?option=com_content&task=view&Itemid=301&id=755&idts=625

http://www.aiac.it/upload/documenti/giac/PDF2006122_8397819.pdf

Advertisements
  1. 17 settembre 2012 alle 03:39

    I all the time used to read article in news papers but now as I am
    a user of internet so from now I am using net for posts, thanks
    to web.

  2. 6 febbraio 2014 alle 05:34

    If you are already overwhelmed by all you have to do for your coaching business.
    One of the most effective ways of doing this is to build back links.

  3. 3 luglio 2014 alle 03:11

    I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog and was curious
    what all is required to get set up? I’m assuming having a blog like yours would
    cost a pretty penny? I’m not very internet savvy so I’m not 100% sure.
    Any suggestions or advice would be greatly appreciated.
    Cheers

  4. 22 luglio 2014 alle 03:45

    This firm makes certain quickest shipping of followers the moment your
    purchase is placed. Use Twitter Search to monitor your company and common industry terms.
    It is possible to will sell music along with your own imprinted t-shirts, limits, and also Compact discs.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: